Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (144021)

on . Postato in Sessualità | Letto 14 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudia 21

Salve, sono una ragazza di 21 anni, il mio ragazzo ne ha 24 e stiamo insieme da diversi anni (5). Non è il mio primo ragazzo, ma siamo innamorati e pensiamo di mettere su famiglia insieme fra un paio di anni. Il mio problema è che ultimamente, in realtà da circa un anno, faccio fatica ad avere dei rapporti con lui. Non solo non ne ho voglia, ma proprio faccio di tutto per evitarlo in quanto la cosa provoca in me disgusto e repulsione. Inizialmente durante la penetrazione sentivo solo bruciore e secchezza, ma adesso anche solo toccarsi per me è diventato un problema. La scorsa settimana abbiamo guardato insieme un film comico/demenziale, senza scene di nudo ma con molte allusioni anche esplicite alla sfera sessuale, e io ero disgustata. Lui invece, in diversi punti, rideva e trovava il tutto molto divertente. Da quel giorno non riesco più neanche a pensare di avere dei rapporti con lui. In seguito a quell'episodio ho deciso di chiedere aiuto in questo sito. Cosa posso fare? Da cosa può essere provocata questa repulsione? Grazie, un saluto.

 

Cara Claudia, non è facilissimo capire davvero che sta succedendo, ma forse piano piano, facendo delle ipotesi si potrebbe intanto fare un pò di chiarezza. I sintomi che tu descrivi potrebbero far capo ad una forma di "vaginismo", che è un classico disturbo con una doppia matrice organica e psicologica. Il disagio che tu provi, che addirittura si trasforma in repulsione, presenta infatti una sintomatologia organica, ma è da considerare assolutamente correlato con delle angoscie interne proiettate nel malessere che diventa alla fine una forma di resistenza e respingenza dell'intimità. Spesso si può far capo ad una educazione rigida o a esperienze precedenti di tipo traumatico mai risolte o ad una difficoltà pur rimossa di avere una relazione con il proprio compagno, come un rifiuto di cui non si riesce a prendere coscienza. Le origini pur tante portano comunque alla stessa conclusione e cioè che non bisogna assolutamente svilirsi o scoraggiarsi e se il disagio non è legato a una condizione di stress e scompare naturalmente e in tempi brevi, bisogna approfondire e bonificare le cause dell'angoscia, evitando di scadere nel senso di persecutorietà che di solito questo tipo di disturbi provoca. Un abbraccio.

(Risponde la Dott.ssa Bosa Lucia Daniela)

Pubblicato in data 22/06/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters