Pubblicità

Sessualità (145090)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 73 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mariangela 24

Salve, le scrivo in preda alla completa disperazione,ho un problema e non so proprio con chi parlarne, ovvero non ho il coraggio di parlarne con nessuno. Premetto che non ho problemi in famiglia, vivo in condizioni agiate e sono laureata in economia (lo studio e' la forza che mi spinge ad andare avanti). Ho un ossessione che ormai da anni mi affligge.Riguardo la mia sessualita', ho paura di essere omosessuale e questa cosa mi spaventa, mi sta logorando perchè non potrei accettarla, ovvero ora non posso accettarla.Le spiego il perchè: Il problema è che da 3 anni sono fidanzata (con un ragazzo) e lui più o meno non sa niente di tutto ciò e questo peggiora il nostro rapporto perchè non mi sento completamente sincera con lui. Ho provato a parlargliene vagamente ma lui mi ha tranquillizzata dicendo che era un periodo e che sarebbe passato. Io non credo sia così perchè ormai sono anni che vivo con questa fobia che mi porta ad avere ansia. Sogno di baciare ragazze (mi piacciono e mi spaventano questi sogni), quando passeggio per strada incrociare sguardi di donne mi mette in completo imbarazzo, cosa che avviene solo a volte con i ragazzi. Il fatto è che io credo di amare il mio ragazzo, non posso vivere senza di lui, ci sto bene (in tutti i sensi,anche sessualmente,scusi la franchezza,mi eccita fare l'amore con lui), è la mia gioia,ma è come se del mondo maschile mi piacesse solo lui e le donne.Sono stufa di vivere con quest'ossessione che gira e rigira nella testa, ho paura di impazzire, Inoltre da adolescente sono stata innamorata di una mia amica (senza essere corrisposta,lei non l'ha mai saputo così come nessuno) che e' stata per lungo tempo il centro della mia esistenza. Volevo dirle (magari puo essere un info in più) che ho un rapporto molto freddo con mia madre, mai una carezza, un abbraccio, un bacio ho pensato che potesse essere questa la radice di questo mio malessere ma nn so! So solo che voglio riavere una vita serena, una famiglia appena posso,dei figli...cosa devo fare? La prego mi aiuti.

La domanda che le farò le sembrerà forse assurda: se lei accertasse di avere un debole per le donne, diciamo così, questo le farebbe decidere di non sposare il suo fidanzato, di cui è innamorata? Rifletta su questa domanda, e poi si chieda anche se sarebbe diverso per lei se si trovasse ad evitare lo sguardo dei ragazzi per strada, nel timore di scoprire un'attrazione per qualcuno. Questa risposta è necessariamente banale, mentre la domanda che si pone non lo è affatto. Non tanto nella forma in cui se la pone, che appare più che altro come una perdita di tempo, quanto nel quesito più profondo che essa implica, la sfida che ogni matrimonio comporta.Molto probabilmente questi timori si scioglieranno come neve al sole nel momento in cui lei eviterà di cercare risposte a quella domanda, che di fatto è una domanda impossibile, ovvero senza possibilità di risposta. Quando cesserà di cercare risposte a quella domanda, ed accetterà il rischio del suo matrimonio, allora saranno altri i problemi che vi troverete ad affrontare e felicemente a condividere.

(Risponde la Dott.ssa Lucia Banchelli)

Pubblicato in data 17/09/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

News Letters

0
condivisioni