Pubblicità

Sessualità (147324)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 57 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Maddalena 19

Le scrivo così, mentre mi cadono lacrime..non per dolore, non per tristezza.. ma per delusione di me stessa..sono stata assieme a un ragazzo per quasi un anno.. abbiamo condiviso molte cose tra cui il sesso..sono stata male dopo che lui ha subito un cambiamento.. ha iniziato ad essere un pò troppo "manesco"..dopo questo fatto mi sono chiusa in me stessa, non mi facevo toccare da nessuno.. nemmeno da mia madre..poi ho conosciuto un ragazzo..
un Uomo.. una meraviglia..colui che mi ama da quasi un anno e mezzo e con cui ho attualmente una storia d'amore STUPENDA..Lui sa tutto di me, tra cui il mio passato..mi ha sempre trattato come una principessa, la sua principessa..ma io ho un problema..non riesco a fare l'amore con lui.. cioè, mi spiego meglio.. noi ci amiamo al punto di fare SEMPRE l'amore.. ma l'atto sessuale vero e proprio (penetrazione) non siamo mai riusciti ad averlo.. mi chiedo, come posso sconfiggere questa cosa?la mia non è una paura.. è proprio un blocco..mi sento bloccata fisicamente.. mi sento "chiusa"..Ha qualche consiglio?La prego, so che un sessuologo potrebbe essere più mirato.. non so più a chi rivolgermi

 


Cara Maddalena, c'è qualcosa che non ti consente di vivere quest'esperienza è chiaro, ma tutto sommato potrebbe essere semplicemente che ancora non sei pronta ad avere una vera e propria intimità e un vero e proprio legame e che hai bisogno di essere un pò più sicura di te stessa e del tuo partner.Non trascurare comunque che inconsciamente si può essere inceppato qualcosa profondamente dopo quella esperienza dolorosa.La violenza è sempre motivo, oltre che di dolore immediato, di una serpentina angoscia successiva che rende difficcili i rapporti successivi.Prova a non forzare le cose e lasciati il tempo che ti è necessario.E' una cosa più che naturale sentirsi bloccata ed avere paura, ma spesso queste emozioni negative con il tempo passano in maniera spontanea.Se così non dovesse essere, forse ti conviene consultare uno psicoterapeuta che ti aiuti a trovare maggiore fiducia in te stessa e ti sostenga in un percorso di recupero sul  piano delle relazioni. La tua infatti dolorosità va vista in maniera più complessiva.



(Risponde la Dott.ssa Lucia Bosa)

Pubblicato in data 22/06/2011
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

News Letters

0
condivisioni