Pubblicità

Sessualità (147433)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 23 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Raniero 30

Salve, vengo subito al punto. Ho avuto una relazione con una ragazza per circa due anni, una storia bellissima, intensa, passionale, e dal punto di vista sessuale, sublime. Mi sentivo appagato fisicamente e psicologicamente. Successivamente, a causa della sua maniacale gelosia, a tratti anche folle, sono arrivati i problemi ed ho cominciato a risponderle ed a trattarla male, spinto dall'esasperazione, e ci siamo lasciati. Ora frequento un'altra ragazza, caratterialmente molto diversa. Molto pacata, poco passionale, quasi fredda. All'inizio ne soffrivo molto, per questa sua "carenza" caratteriale, ma col tempo ho imparato a volerle bene così. Il problema è che anche nel sesso è molto tranquilla, poco partecipe e soprattutto poco passionale. Non mi sento affatto desiderato. Non mi stringe, non mi tocca, non usa gli altri sensi. E' molto "immobile" a volte è come una bambola, non prende mai l'iniziativa, insomma non mi sento "stimolato e desiderato" abbastanza ed alla fine il desiderio non è mai forte, non mi sento "affamato" di lei. Vorrei che lei facesse di piu'. A volte devo forzarmi ed ho paura di arrivare a un punto di non ritorno. Con la mia ex nel sesso eravamo perfetti, un'attrazione perfetta e forte. Io ero insaziabile, perchè lei sprizzava desiderio da ogni parte, voleva toccarmi, baciarmi, stringermi e soddisfarmi, io seguivo a ruota la sua passione. Con Elena non è così, non mi travolge, e non so che fare. Ogni tanto creo situazioni romantiche, erotiche, ma non cambia nulla, anzi alla fine mi sento addirittura fuori posto. Da lei non viene mai  quel guizzo che mi aspetto, e io non ho sempre voglia di inventare situazioni particolari. Ne abbiamo parlato, e ci sono volte in cui diventa più "intraprendente" ma dura poco, al massimo qualche giorno, e poi tutto torna come prima.E poi sento che non lo fa per puro piacere, ma  solo perchè sa che piace a me. E' una situazione che comincia  a pesarmi, e non so come uscirne.

 

 

 

/>Caro Raniero, dal racconto descritto si evince che la partner attuale non mostra e non partecipa ad una sessualità soddisfacente al punto tale da sentirsi non desiderato. E' vero che ne avete parlato, ma con che risultato? Quello di esercitare giochi erotici forzati. Secondo il mio parere la ragazza deve affrontare la sua sessualità sia corporea sia genitale aiutata da un psicoterapeuta sessuologo poichè ella potra percepire la sua vera sessualità
In un secondo momento se le cose non migliorano dovete affrontare la problematica come coppia, se c'è il sentimento e l'amore tutto si risolve, se solo infatuazione credo che le strade si divideranno presto.
Auguri



(Risponde il Dott. Pugelli Sergio)

Pubblicato in data 19/09/2011
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

News Letters

0
condivisioni