Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (150924)

on . Postato in Sessualità | Letto 16 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Marco,19

Oggi mi sento particolarmente triste e scoglionato vorrei tanto chiudere gli occhi e non aprirli più.
Ho tanti dubbi e ripensamenti, non so più cosa voglio, so solo che vorrei tanto che quel giorno dell' incidente fossi morto..
Mi pongo tante domande a cui vorrei dare delle risposte ma non ci riesco, perché sono in continuo conflitto con me stesso.
Penso tutti i giorni che se cercassi di provare a farmi piacere una ragazza anche se non potrei mai amarla perché  a me piacciono i ragazzi, anche se tanti mi dicono che è un mondo di merda,  non deluderei tante persone. Lo so che se un giorno dovessi dire ai  miei parenti che mi piacciono i ragazzi ( che sono gay) perderei l' affetto dei miei nonni sia materni che paterni, e i rispettivi zii e cugini  perché per loro i gay sono persone malate, come perderei gli amici a cui io voglio bene. Ma ne vale la pena di sacrificare la propria vita sentimentale e le proprie emozioni per rendere felice chi ti sta intorno?
Vorrei tanto piangere e urlare tutto ciò che provo e come mi sento ma non ci riesco. Vorrei sparire andarmene via da tutti per un pò di tempo per pensare e stare da solo.
Guardo tutti quei ragazzi che vanno in giro con la propria ragazza e si tengono per mano che si scambiano dei baci e mi domando: sarò mai anche io felice e innamorato come loro?
Vorrei tanto incontrare un ragazzo con il quale condividere i miei pensieri, dormire la notte abbracciato fra le sue braccia, sentirmi protetto in un certo senso. Con il quale andare a fare una passeggiata, scambiarci delle coccole e trovare e dare  conforto nei miei e nei suoi momenti brutti e di sconforto.
Avere una relazione normale senza dover fingere, senza nascondersi per paura che uno ci scopra e avere paura di chissà cosa può succedere.
Sono stanco di dover fingere con tutti perché sto arrivando ad un punto in cui non so più cosa è finzione e cosa è realtà.
Mi può aiutare a superare questo momento?
La ringrazio
Marco



Caro Marco, il disagio che stai provando è quello di tanti altri giovani che temono il loro orientamento sessuale e il confonto con la propria famiglia, poichè per essi è come affrontare una perdita affettiva.
Capisco anche le tue preoccupazioni nel relazionarti con i coetanei sia femminili sia maschili.
Il mio consiglio è che devi consultare uno psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a prendere coscenza dellla tua sessualità , che non è una malattia, per poi affrontare con serenità e convinzione la tua famiglia.
I tuoi desideri di poter vivere alla luce del sole sono più che legittimi.
Auguri.

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 28/03/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (in...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters