Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (150924)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

Marco,19

Oggi mi sento particolarmente triste e scoglionato vorrei tanto chiudere gli occhi e non aprirli più.
Ho tanti dubbi e ripensamenti, non so più cosa voglio, so solo che vorrei tanto che quel giorno dell' incidente fossi morto..
Mi pongo tante domande a cui vorrei dare delle risposte ma non ci riesco, perché sono in continuo conflitto con me stesso.
Penso tutti i giorni che se cercassi di provare a farmi piacere una ragazza anche se non potrei mai amarla perché  a me piacciono i ragazzi, anche se tanti mi dicono che è un mondo di merda,  non deluderei tante persone. Lo so che se un giorno dovessi dire ai  miei parenti che mi piacciono i ragazzi ( che sono gay) perderei l' affetto dei miei nonni sia materni che paterni, e i rispettivi zii e cugini  perché per loro i gay sono persone malate, come perderei gli amici a cui io voglio bene. Ma ne vale la pena di sacrificare la propria vita sentimentale e le proprie emozioni per rendere felice chi ti sta intorno?
Vorrei tanto piangere e urlare tutto ciò che provo e come mi sento ma non ci riesco. Vorrei sparire andarmene via da tutti per un pò di tempo per pensare e stare da solo.
Guardo tutti quei ragazzi che vanno in giro con la propria ragazza e si tengono per mano che si scambiano dei baci e mi domando: sarò mai anche io felice e innamorato come loro?
Vorrei tanto incontrare un ragazzo con il quale condividere i miei pensieri, dormire la notte abbracciato fra le sue braccia, sentirmi protetto in un certo senso. Con il quale andare a fare una passeggiata, scambiarci delle coccole e trovare e dare  conforto nei miei e nei suoi momenti brutti e di sconforto.
Avere una relazione normale senza dover fingere, senza nascondersi per paura che uno ci scopra e avere paura di chissà cosa può succedere.
Sono stanco di dover fingere con tutti perché sto arrivando ad un punto in cui non so più cosa è finzione e cosa è realtà.
Mi può aiutare a superare questo momento?
La ringrazio
Marco



Caro Marco, il disagio che stai provando è quello di tanti altri giovani che temono il loro orientamento sessuale e il confonto con la propria famiglia, poichè per essi è come affrontare una perdita affettiva.
Capisco anche le tue preoccupazioni nel relazionarti con i coetanei sia femminili sia maschili.
Il mio consiglio è che devi consultare uno psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a prendere coscenza dellla tua sessualità , che non è una malattia, per poi affrontare con serenità e convinzione la tua famiglia.
I tuoi desideri di poter vivere alla luce del sole sono più che legittimi.
Auguri.

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 28/03/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

News Letters