Pubblicità

Sessualità (156379 )

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 60 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dori, 36

 

Gentile Dottore,
Da anni ho problemi nell'avere rapporti con mio marito.
Vorrei introdurre il discorso riferendo che da bambina ho avuto un periodo in cui ho subito abusi da mio padre. Così in adolescenza ho sviluppato dei disturbi alimentari che si sono risolti dopo sei anni di psicoterapia.
Non ho avuto problemi nella sessualità fino alla nascita di mia figlia, la prima bimba, e che sono peggiorati con la nascita del mio secondo bimbo. Invece di rilassarmi e gioire della unione con mio marito mi vengono in mente le immagini di quando mio padre abusava di me, oppure di cattive esperienze che ho avuto in passato in merito alla sessualità.
Per non bastare ultimamente sono ossessionata da pensieri che mia figlia possa avere brutte esperienze in merito e ciò mi viene in mente proprio quando sono in intimità con mio marito. Non mi da fastidio tanto la penetrazione, quanto che lui mi tocchi le parti intime. Le vivo come una violenza (ovviamente, con questi pensieri in mente, non desidero nemmeno più avere una intimità). Quindi, rifiuto gli approcci di mio marito, sono ossessionata che i nostri figli possano vederci e quando siamo da soli vengo assalita da una forte ansia ed allontano mio marito con rabbia.
Grazie.

Cara Dori,
La storia raccontata fa capire per l'ennesima volta quando male e danno fanno i pedofili abusando, spesse volte di minori che sono familiari.
Hai detto che hai fatto sei anni di psicoterapia per i disturbi alimentari che sono sopraggiunti e risolti ma penso che i veri problemi psiologici non siano stati superati.
Il timore verso i propri figli dopo l'eperienza vissuta sono legittimi, ma non devono influire sul rapporto di coppia.
La sessualità con il marito deve essere vissuta con omplicità,emotività,sensibilità e desiderio.
Consiglio per superare questi disturbi di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico e sessuologo che può aiutarti sia individualmente sia come coppia.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 06/11/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

News Letters

0
condivisioni