Pubblicità

Sessualità (1636)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 44 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonimo, 21 anni

Sono legata da 2 anni con il mio fidanzato e quasi 2 mesi fa ho effettuato un'interruzione di gravidanza. Il mio problema è che non mi sento più la stessa e piango quasi tutti i giorni, ma il problema più grande è che ho riprovato ad avere rapporti un paio di volte ma è stato un dramma. Durante il rapporto dopo 5 minuti mi ritrovo in lacrime e non provo piacere ma solo tristezza.
Sta diventando un problema perchè vedo che si sta rovinando il rapporto con il mio compagno e lui mi dice che la causa sono io con il mio atteggiamento. Vorrei sapere se sono normali queste mie reazioni dopo un'interruzione o sto esagerando con il pessimismo? Per favore rispondetemi..

Un'interruzione di gravidanza è un evento estremamente traumatico, sia per la psiche che per il corpo, una ferita profonda. Sono passati solo due mesi dall'intervento, e le assicuro che ciò che lei prova è assolutamente normale.
Non deve assolutamente forzarsi ad avere rapporti se non se la sente; cerchi di far capire al suo ragazzo la gravità di ciò che ha passato. Non si deve sentire in colpa per ciò che lui le dice, lei ha vissuto un'esperienza molto difficile, e ha bisogno di tutta la sua comprensione per superarla. Non è colpa sua se il vostro rapporto va male in questo periodo, è la conseguenza naturale di quello che è successo. Ma non è una ferita impossibile da rimarginare. Provi a chiedere aiuto al suo compagno, provi a spiegargli per filo e per segno. E magari provi a rivolgersi al consultorio della sua zona per parlare con uno psicologo. Dato che nei consultori capita molto spesso di occuparsi di interruzioni di gravidanza, in genere sono preparati a dare un buon sostegno psicologico, soprattutto per il dopo intervento, che a volte è più difficile del pre.
Le faccio i miei migliori auguri

( risponde la dott.ssa Serena Leone )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di coppia e famiglia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni