Pubblicità

Sessualità (164553)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 137 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elena, 24

Salve, mi rivolgo a questa consulenza telematica perché l'idea di cercare uno psicologo e prendere appuntamento mi imbarazza (data la natura strettamente intima del mio disagio) e so che una terapia comporterebbe una spesa non indifferente, che non potrei sostenere (sono studentessa universitaria mantenuta dai miei genitori). Premetto che il mio problema, di natura sessuale, non è attribuibile a nessun disturbo o anomalia fisica (faccio spesso visite ginecologiche di controllo), per questo mi rivolgo alla sfera psicologica. premetto inoltre di avere una vita sessuale frequente e appagante col mio partner, e ho avuto sempre relazioni durature e stabili. Il mio problema riguarda il fatto di non aver mai raggiunto l'orgasmo durante un rapporto sessuale, nonostante riesca a raggiungere alti, veri e propri picchi di piacere prolungati, con un abbondante lubrificazione, e ho sempre vissuto la mia sessualità senza tabù (forse l'unico mio disagio sta nella nudità e riguarda il seno, del quale mi vergogno, non piacendomi ed essendo piccolo, ma l affetto e la gentilezza del mio partner mi hanno sempre fatto affrontare la cosa per farmi accettare così come sono ). La cosa che non riesco a spiegarmi è che invece io riesca ad avere l'orgasmo attraverso la masturbazione, stimolando il clitoride (da sempre, ricordo di aver praticato l'autoerotismo fin da quando ho memoria, direi già dai 5-6 anni). Inoltre raggiungo l'orgasmo col mio partner solo nel momento del rapporto anale, nel quale io, in posizione prona, riesco a masturbarmi nello stesso modo in cui lo faccio da sola. Spero di poter ricevere un qualche aiuto da uno dei vostri esperti perché la cosa, pur non pesandomi eccessivamente, in quanto io trovi lo stesso grande piacere durante il rapporto, mi crea molte perplessità, e l'ombra della "frigidità" mi fa sentire quasi portatrice di un handicap che ricade poi sulle spalle del partner, il quale a volte (come mi ha lui stesso riferito)lo avverte come una propria incapacità e mancanza. Vi ringrazio in anticipo. Cordialmente, M.

Cara Elena dal racconto si evince che un po’ di confusione nel definire la sessualità e in special modo l'orgasmo esiste. Pur affermando che con il partner è tutto ok nutro alcune perplessità poiché non ti piace la corporeità, provi piacere solo con autoerotismo e in atteggiamenti anali quindi credo che qualche aggiustamento psicologico sia individuale ma soprattutto di coppia deve essere affrontato. La prossima settimana dal 29 settembre al 4 novembre, in tutto il territorio nazionale i sessuologi della FISS ricevono gratuitamente quindi consiglio di rivolgerti a quello della tua città o più vicino consultando il sito della FISS. Auguri

(Risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 24/09/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni