Pubblicità

Sessualità (164553)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 88 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elena, 24

Salve, mi rivolgo a questa consulenza telematica perché l'idea di cercare uno psicologo e prendere appuntamento mi imbarazza (data la natura strettamente intima del mio disagio) e so che una terapia comporterebbe una spesa non indifferente, che non potrei sostenere (sono studentessa universitaria mantenuta dai miei genitori). Premetto che il mio problema, di natura sessuale, non è attribuibile a nessun disturbo o anomalia fisica (faccio spesso visite ginecologiche di controllo), per questo mi rivolgo alla sfera psicologica. premetto inoltre di avere una vita sessuale frequente e appagante col mio partner, e ho avuto sempre relazioni durature e stabili. Il mio problema riguarda il fatto di non aver mai raggiunto l'orgasmo durante un rapporto sessuale, nonostante riesca a raggiungere alti, veri e propri picchi di piacere prolungati, con un abbondante lubrificazione, e ho sempre vissuto la mia sessualità senza tabù (forse l'unico mio disagio sta nella nudità e riguarda il seno, del quale mi vergogno, non piacendomi ed essendo piccolo, ma l affetto e la gentilezza del mio partner mi hanno sempre fatto affrontare la cosa per farmi accettare così come sono ). La cosa che non riesco a spiegarmi è che invece io riesca ad avere l'orgasmo attraverso la masturbazione, stimolando il clitoride (da sempre, ricordo di aver praticato l'autoerotismo fin da quando ho memoria, direi già dai 5-6 anni). Inoltre raggiungo l'orgasmo col mio partner solo nel momento del rapporto anale, nel quale io, in posizione prona, riesco a masturbarmi nello stesso modo in cui lo faccio da sola. Spero di poter ricevere un qualche aiuto da uno dei vostri esperti perché la cosa, pur non pesandomi eccessivamente, in quanto io trovi lo stesso grande piacere durante il rapporto, mi crea molte perplessità, e l'ombra della "frigidità" mi fa sentire quasi portatrice di un handicap che ricade poi sulle spalle del partner, il quale a volte (come mi ha lui stesso riferito)lo avverte come una propria incapacità e mancanza. Vi ringrazio in anticipo. Cordialmente, M.

Cara Elena dal racconto si evince che un po’ di confusione nel definire la sessualità e in special modo l'orgasmo esiste. Pur affermando che con il partner è tutto ok nutro alcune perplessità poiché non ti piace la corporeità, provi piacere solo con autoerotismo e in atteggiamenti anali quindi credo che qualche aggiustamento psicologico sia individuale ma soprattutto di coppia deve essere affrontato. La prossima settimana dal 29 settembre al 4 novembre, in tutto il territorio nazionale i sessuologi della FISS ricevono gratuitamente quindi consiglio di rivolgerti a quello della tua città o più vicino consultando il sito della FISS. Auguri

(Risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 24/09/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

News Letters

0
condivisioni