Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità ( 16947)

on . Postato in Sessualità | Letto 6 volte

Gyto, 43 anni

Sono sposato da 20 anni e dopo un periodo di crisi con mia moglie, in cui i nostri rapporti si erano congelati, lei ha sofferto molto per problemi vuoi fisici vuoi affettivi vuoi anche per la mia lontananza, ci siamo riavvicinati avendo per diverso tempo discussioni che definirei furibonde in cui ci siamo detti alcune cose tremende.
Devo dire che durante il periodo di crisi, durato almeno 2 anni, non abbiamo mai fatto l'amore, anche se io non l'ho mai tradita, e che già allora quando mi masturbavo non avevo un'erezione soddisfacente. I primi tempi del riavvicinamento facevamo invero sesso benissimo, successivamente ho avuto problemi con l'erezione forse dovuto alle continue prediche di mia moglie in relazione alle problematiche che sopra dicevo del periodo di crisi, inoltre durante una di quelle discussioni furibonde mia moglie mi ha rivelato che durante il nostro fidanzamento ha avuto delle scappatelle facendo capire chiaramente che avrebbe altro da dirmi.
Ora bisogna dire che il mio carattere è remissivo e mi va bene quasi tutto, mentre di mia moglie ha una personalità forte, sicura di sè, razionale, intelligente e l'ho sempre considerata fedele fin da quando ci siamo conosciuti e frequentati. Sono confuso anche perché ho scoperto una donna diversa da quella che ho sempre pensato. Mi sono fatto visitare da un urologo il quale mi ha consigliato una specie di viagra non riscontrando problemi fisiologici.
D'accordo con mia moglie non ho voluto proseguire su questa strada e preferire di aspettare e vedere se il problema col tempo se ne andava. Comunque, a parte la notevole ansia da prestazione che si è venuta a creare e che mia moglie alcune volte ha anche alimentato, ho riscontrato di recente che la masturbazione non mi porta lo stesso ad avere un'erezione normale.
Quando mi avvicino a mia moglie non posso fare a meno di pensare a quello che mi ha detto in relazione alle sue scappatelle ed a quanto sono stato stupido a non accorgermi di quanto accadeva a suo tempo e che forse, ad averlo saputo, avrebbe cambiato il corso della nostra storia. Credo di amare molto mia moglie, ma quanto mi ha detto, ha cambiato il mio modo di "guardarla" infatti mi chiedo: chissà se è vero che dopo il matrimonio non mi ha mai tradito? e poi perchè tradirmi durante il fidanzamento? ancora perchè mi ha sposato? mi avrà mai amato?, in altre parole ho perso la fiducia. Queste domande mi tormentano.
Durante la crisi di cui parlavo mi sono comportato male con mia moglie senza peraltro mai tradirla e lei spesso mi rimprovera il
mio disdicevole comportamento. Io sono remissivo, introverso e tendente alla tranquillità, anche troppo forse. Cosa potete consigliarmi?

Salve, credo il percorso da lei fatto con il medico andrebbe rivalutato insieme ad una terapia sessuale con uno psicologo ad hoc a cui sia lei che sua moglie dovreste sottoporvi in modo da rivalutare, anche grazie al farmaco all'inizio, i vostri rapporti e la vostra relazione in generale.
E probabile che dopo queste rivelazioni lei abbia perso la fiducia in sua moglie ma non è detto che non la possa riacquistare....
buona fortuna

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

News Letters