Pubblicità

sessualità (46070)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 208 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lino, 18anni (3.12.2001)

E' la prima volta che scrivo ad un esperto e mi sento un pò strano ma non sò come fare. Praticamente ho questo problema, io e la mia ragazza vorremo tantissimo farlo ma purtroppo non riusciamo mai a stare soli e quando lo siamo cè sempre poi qualkuno che ci interrompe all'improvviso.Ho notato questo che quando siamo in compagnia mi eccito tantissimo quando stiamo vicini e ci tocchiamo " furtivamente " per non farci vedere dagli altri e ad esempio ci è capitato 2-3 volte di stare a casa con degli amici e dopo esserci spostati in un altra stanza abbiamo dato sfogo in parte ai nostri desideri. La cosa che ho notato è che poi quando stiamo soli ci metto più tempo ad avere un erezione. Non sò se il fatto di farlo mi spaventa o meno. Perkè quando stiamo in compagnia mi eccito abbastanza perkè ci baciamo e contemporaneamente lei mi tocca e io faccio lo stesso con lei mentre quando siamo soli questo non avviene sempre e quindi mi sento in imbarazzo perkè ho paura e mi sentirei molto in imbarazzo se lei mi sbottonasse i pantaloni e vedesse che non ho ankora avuto un erezione. é normale che mentre le faccio i preliminari se così li vogliamo chiamare io non riesco ad eccitarmi abbastanza?? oppure ho qualke problema? vorrei sapere solo questo. Vi ringrazio per la vostra attenzione e vi saluto.

Caro Lino, non credo xche tutti noi siamo tenuti a reagire allo stesso modo alle stimolazioni, non mi sembra che nel tuo caso ci osno difficoltà nell'erezione, è chiaro che nell'attività sessuale, la componente trasgressiva e la privazione giocano un ruolo importante nell'eccitazione, quando non ci sarebero le condizioni adatte, paradossalmente ci sentiamo più pronti e predisposti, viceversa quando tutto è dato per scontato. non credo sia il caso di allarmarsi.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

News Letters

0
condivisioni