Pubblicità

sessualità (46070)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 219 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lino, 18anni (3.12.2001)

E' la prima volta che scrivo ad un esperto e mi sento un pò strano ma non sò come fare. Praticamente ho questo problema, io e la mia ragazza vorremo tantissimo farlo ma purtroppo non riusciamo mai a stare soli e quando lo siamo cè sempre poi qualkuno che ci interrompe all'improvviso.Ho notato questo che quando siamo in compagnia mi eccito tantissimo quando stiamo vicini e ci tocchiamo " furtivamente " per non farci vedere dagli altri e ad esempio ci è capitato 2-3 volte di stare a casa con degli amici e dopo esserci spostati in un altra stanza abbiamo dato sfogo in parte ai nostri desideri. La cosa che ho notato è che poi quando stiamo soli ci metto più tempo ad avere un erezione. Non sò se il fatto di farlo mi spaventa o meno. Perkè quando stiamo in compagnia mi eccito abbastanza perkè ci baciamo e contemporaneamente lei mi tocca e io faccio lo stesso con lei mentre quando siamo soli questo non avviene sempre e quindi mi sento in imbarazzo perkè ho paura e mi sentirei molto in imbarazzo se lei mi sbottonasse i pantaloni e vedesse che non ho ankora avuto un erezione. é normale che mentre le faccio i preliminari se così li vogliamo chiamare io non riesco ad eccitarmi abbastanza?? oppure ho qualke problema? vorrei sapere solo questo. Vi ringrazio per la vostra attenzione e vi saluto.

Caro Lino, non credo xche tutti noi siamo tenuti a reagire allo stesso modo alle stimolazioni, non mi sembra che nel tuo caso ci osno difficoltà nell'erezione, è chiaro che nell'attività sessuale, la componente trasgressiva e la privazione giocano un ruolo importante nell'eccitazione, quando non ci sarebero le condizioni adatte, paradossalmente ci sentiamo più pronti e predisposti, viceversa quando tutto è dato per scontato. non credo sia il caso di allarmarsi.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni