Pubblicità

sessualità (46070)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 235 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lino, 18anni (3.12.2001)

E' la prima volta che scrivo ad un esperto e mi sento un pò strano ma non sò come fare. Praticamente ho questo problema, io e la mia ragazza vorremo tantissimo farlo ma purtroppo non riusciamo mai a stare soli e quando lo siamo cè sempre poi qualkuno che ci interrompe all'improvviso.Ho notato questo che quando siamo in compagnia mi eccito tantissimo quando stiamo vicini e ci tocchiamo " furtivamente " per non farci vedere dagli altri e ad esempio ci è capitato 2-3 volte di stare a casa con degli amici e dopo esserci spostati in un altra stanza abbiamo dato sfogo in parte ai nostri desideri. La cosa che ho notato è che poi quando stiamo soli ci metto più tempo ad avere un erezione. Non sò se il fatto di farlo mi spaventa o meno. Perkè quando stiamo in compagnia mi eccito abbastanza perkè ci baciamo e contemporaneamente lei mi tocca e io faccio lo stesso con lei mentre quando siamo soli questo non avviene sempre e quindi mi sento in imbarazzo perkè ho paura e mi sentirei molto in imbarazzo se lei mi sbottonasse i pantaloni e vedesse che non ho ankora avuto un erezione. é normale che mentre le faccio i preliminari se così li vogliamo chiamare io non riesco ad eccitarmi abbastanza?? oppure ho qualke problema? vorrei sapere solo questo. Vi ringrazio per la vostra attenzione e vi saluto.

Caro Lino, non credo xche tutti noi siamo tenuti a reagire allo stesso modo alle stimolazioni, non mi sembra che nel tuo caso ci osno difficoltà nell'erezione, è chiaro che nell'attività sessuale, la componente trasgressiva e la privazione giocano un ruolo importante nell'eccitazione, quando non ci sarebero le condizioni adatte, paradossalmente ci sentiamo più pronti e predisposti, viceversa quando tutto è dato per scontato. non credo sia il caso di allarmarsi.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni