Pubblicità

sessualità (46627)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 184 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefania, 29anni (20.12.2001)

Gentile Dottore,
Ho 29 anni ho conosciuto un uomo più grande di me di 10 anni.
Ci siomo conosciuti ballando (ballo di coppia), ci siamo trovarti senza cercarci per caso, una sera abbiamo ballato e abbiamo percepito qualcasa di speciale. Lui è splendido, mi tratta come una principessa, ha molta fantasia, ha una cura del mio corpo davvero speciale. Lui è riuscito a risvegliare il mio desiderio che si era un po' assopito. Il suo desiderio nei miei confronti è stato contagioso, travolgente. Ha riacceso la mia fantasia. Ci vediamo una volta alla settimana perchè entrambi siamo impegnati (lui convive io sono fidanzata), io lo penso spesso, lo desidero ma quando ci incontriamo non riesco a vivere pienamente la nostra intimià, sono molto frenata, i rapporti sono dolorosi e incompleti, pieni di sensi di colpa, lui non vuole usare il preservativo (per è un grosso oltacolo).
Per cui quando ci vediamo ci dedichiamo ad una serie di preliminari infinita ma immensamente piacevole. Inoltre lui è molto loquace, riesce a parlare con molta naturalezza di sesso, mi descrive quello che mi farebbe, e che poi mi fa veramente. Io invece, nonostante il desiderio e la fantasia non mi manchino, rimango in silenzio, faccio fatica a parlarlgi anche delle mie fantasie, Sono riuscita a confidargli alcune mie fantasie solo via e-mail, ma che fatica. Ora sto pensando di lascire perdere tutto (la nostra storia è in corso da 2 mesi),anche la sua pazienza ha un limite, ma già mi manca. Dopo l'ultima volta che ci siamo visti lui si è un po ritirato, come è comprensibile. Perchè lo desidero e poi quando sono con lui non riesco ad avere rapporti in libertà, pieni e appanganti. Non è colpa di lui il problema è mio. Quando sono li da sola con lui comincio a pensare quando invece dovrei liberare la mente.
Grazie
Stefania

Cara Stefania (29 anni ), sei in un dilemma angoscioso, ma é necessario far chiarezza, se no anche il tuo corpo si rifiuta, nonostante il desiderio.... No, i mille pensieri conflittuali che insorgono in te quando lui ti é vicino richiedono una chiarificazione. Tu fidanzata, lui convivente e dieci anni più grande di te ( questo non sarebbe un ostacolo, ma é la situazione che é troppo asimmetrica per funzionare ) non c'é dubbio che al momento di uscire dalle fantasie, scatenate dal desiderio risvegliato, e passare all'azione... scattano i blocchi, le inibizioni, i sensi di colpa, tutta una serie di divieti legati all'educazione, ma anche al tuo essere donna e al tuo bisogno di una relazione totale. Non ci sono vie d'uscita tranne nella chiarificazione.La valutazione da cui scaturirà la tua scelta dovrà tener conto di altri fattori (oltre all'attrazione fisica e alla valorizzazione del tuo corpo, che egli ha pur dimostrato di fare), come il carattere, i valori, l'intimità,la comunicazione ( che a te non riesce per adesso) e... tutti gli altri dati di realtà. Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

News Letters

0
condivisioni