Pubblicità

sessualità (46627)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 197 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefania, 29anni (20.12.2001)

Gentile Dottore,
Ho 29 anni ho conosciuto un uomo più grande di me di 10 anni.
Ci siomo conosciuti ballando (ballo di coppia), ci siamo trovarti senza cercarci per caso, una sera abbiamo ballato e abbiamo percepito qualcasa di speciale. Lui è splendido, mi tratta come una principessa, ha molta fantasia, ha una cura del mio corpo davvero speciale. Lui è riuscito a risvegliare il mio desiderio che si era un po' assopito. Il suo desiderio nei miei confronti è stato contagioso, travolgente. Ha riacceso la mia fantasia. Ci vediamo una volta alla settimana perchè entrambi siamo impegnati (lui convive io sono fidanzata), io lo penso spesso, lo desidero ma quando ci incontriamo non riesco a vivere pienamente la nostra intimià, sono molto frenata, i rapporti sono dolorosi e incompleti, pieni di sensi di colpa, lui non vuole usare il preservativo (per è un grosso oltacolo).
Per cui quando ci vediamo ci dedichiamo ad una serie di preliminari infinita ma immensamente piacevole. Inoltre lui è molto loquace, riesce a parlare con molta naturalezza di sesso, mi descrive quello che mi farebbe, e che poi mi fa veramente. Io invece, nonostante il desiderio e la fantasia non mi manchino, rimango in silenzio, faccio fatica a parlarlgi anche delle mie fantasie, Sono riuscita a confidargli alcune mie fantasie solo via e-mail, ma che fatica. Ora sto pensando di lascire perdere tutto (la nostra storia è in corso da 2 mesi),anche la sua pazienza ha un limite, ma già mi manca. Dopo l'ultima volta che ci siamo visti lui si è un po ritirato, come è comprensibile. Perchè lo desidero e poi quando sono con lui non riesco ad avere rapporti in libertà, pieni e appanganti. Non è colpa di lui il problema è mio. Quando sono li da sola con lui comincio a pensare quando invece dovrei liberare la mente.
Grazie
Stefania

Cara Stefania (29 anni ), sei in un dilemma angoscioso, ma é necessario far chiarezza, se no anche il tuo corpo si rifiuta, nonostante il desiderio.... No, i mille pensieri conflittuali che insorgono in te quando lui ti é vicino richiedono una chiarificazione. Tu fidanzata, lui convivente e dieci anni più grande di te ( questo non sarebbe un ostacolo, ma é la situazione che é troppo asimmetrica per funzionare ) non c'é dubbio che al momento di uscire dalle fantasie, scatenate dal desiderio risvegliato, e passare all'azione... scattano i blocchi, le inibizioni, i sensi di colpa, tutta una serie di divieti legati all'educazione, ma anche al tuo essere donna e al tuo bisogno di una relazione totale. Non ci sono vie d'uscita tranne nella chiarificazione.La valutazione da cui scaturirà la tua scelta dovrà tener conto di altri fattori (oltre all'attrazione fisica e alla valorizzazione del tuo corpo, che egli ha pur dimostrato di fare), come il carattere, i valori, l'intimità,la comunicazione ( che a te non riesce per adesso) e... tutti gli altri dati di realtà. Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

Psicologia

La psicologia è una scienza che studia i processi psichici, consci e inconsci, cognitivi (percezione, attenzione, memoria, linguaggio, pensiero ecc.) e dinamici...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

News Letters

0
condivisioni