Pubblicità

sessualità (46627)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 211 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefania, 29anni (20.12.2001)

Gentile Dottore,
Ho 29 anni ho conosciuto un uomo più grande di me di 10 anni.
Ci siomo conosciuti ballando (ballo di coppia), ci siamo trovarti senza cercarci per caso, una sera abbiamo ballato e abbiamo percepito qualcasa di speciale. Lui è splendido, mi tratta come una principessa, ha molta fantasia, ha una cura del mio corpo davvero speciale. Lui è riuscito a risvegliare il mio desiderio che si era un po' assopito. Il suo desiderio nei miei confronti è stato contagioso, travolgente. Ha riacceso la mia fantasia. Ci vediamo una volta alla settimana perchè entrambi siamo impegnati (lui convive io sono fidanzata), io lo penso spesso, lo desidero ma quando ci incontriamo non riesco a vivere pienamente la nostra intimià, sono molto frenata, i rapporti sono dolorosi e incompleti, pieni di sensi di colpa, lui non vuole usare il preservativo (per è un grosso oltacolo).
Per cui quando ci vediamo ci dedichiamo ad una serie di preliminari infinita ma immensamente piacevole. Inoltre lui è molto loquace, riesce a parlare con molta naturalezza di sesso, mi descrive quello che mi farebbe, e che poi mi fa veramente. Io invece, nonostante il desiderio e la fantasia non mi manchino, rimango in silenzio, faccio fatica a parlarlgi anche delle mie fantasie, Sono riuscita a confidargli alcune mie fantasie solo via e-mail, ma che fatica. Ora sto pensando di lascire perdere tutto (la nostra storia è in corso da 2 mesi),anche la sua pazienza ha un limite, ma già mi manca. Dopo l'ultima volta che ci siamo visti lui si è un po ritirato, come è comprensibile. Perchè lo desidero e poi quando sono con lui non riesco ad avere rapporti in libertà, pieni e appanganti. Non è colpa di lui il problema è mio. Quando sono li da sola con lui comincio a pensare quando invece dovrei liberare la mente.
Grazie
Stefania

Cara Stefania (29 anni ), sei in un dilemma angoscioso, ma é necessario far chiarezza, se no anche il tuo corpo si rifiuta, nonostante il desiderio.... No, i mille pensieri conflittuali che insorgono in te quando lui ti é vicino richiedono una chiarificazione. Tu fidanzata, lui convivente e dieci anni più grande di te ( questo non sarebbe un ostacolo, ma é la situazione che é troppo asimmetrica per funzionare ) non c'é dubbio che al momento di uscire dalle fantasie, scatenate dal desiderio risvegliato, e passare all'azione... scattano i blocchi, le inibizioni, i sensi di colpa, tutta una serie di divieti legati all'educazione, ma anche al tuo essere donna e al tuo bisogno di una relazione totale. Non ci sono vie d'uscita tranne nella chiarificazione.La valutazione da cui scaturirà la tua scelta dovrà tener conto di altri fattori (oltre all'attrazione fisica e alla valorizzazione del tuo corpo, che egli ha pur dimostrato di fare), come il carattere, i valori, l'intimità,la comunicazione ( che a te non riesce per adesso) e... tutti gli altri dati di realtà. Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

News Letters

0
condivisioni