Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

sessualità (46960)

on . Postato in Sessualità | Letto 159 volte

Daniele, 20anni (4.1.2002)

Io sto soffrendo tantissimo di questo problema adesso, ma mi rendo conto che ne ho sofferto sempre, fin da quando ero bambino. A 9 anni, sono stato molestato sessualmente da un amico fidato di mio padre, la cosa è andata avanti per circa sei mesi, fino a quando io e i miei genitori ci siamo trasferiti dal piccolo paese in cui abitavamo in una città più grande. Non ne ho mai parlato con nessuno di questo, essendo una persona molto introversa e timida. Ho da sempre cercato di ignorare che sia successo ma di notte mi torna quasi sempre in mente e spesso faccio degli incubi, che mi provocano attacchi di depressione e di panico. La cosa che più mi mi fa paura però non è il ricordo delle molestie, ma della confusione che ho sulla mia identità sessuale, che ormai porto dietro da diversi anni. Ho delle relazioni con ragazze ma non riesco mai ad arrivare a niente perchè mi sento a disagio. A volte mi accorgo di essere attratto da ragazzi e la cosa mi fa paura perchè mi riporta in mente la mia infanzia e mi assalgono dei sensi di colpa.
Sono cosi per via di ciò che mi è successo 11 anni fà? cosa devo fare?

Caro Daniele , sarebbe molto opportuno che tu potessi chiarire i tuoi dubbi con dei colloqui in un Consultorio (se ora abiti in città) o presso lo studio di un buon psicologo psicoterapeuta sessuale. Ti dirò che le molestie subìte da ragazzo non sono state determinanti, per se stesse , per il tuo orientamento sessuale, ma possono averti lasciato un trauma o dei sensi di colpa o della confusione che dovresti liquidare con dei colloqui collo psicologo. Solo in un rapporto sereno e chiarificatore con un professionista ti potrà giungere quella sicurezza di te che, superando anche la timidezza (non l'introversione, se é un tuo tratto temperamentale), ti permetta un approccio con l'altra persona , appagante affettivamente e sessualmente. L'essere attratto da ragazzi grandi (della tua età?) potrebbe indicare un orientamento omoerotico , ma la cosa non ti deve spaventare se sarà comprovata dall'esperienza o da un trattamento psicologico adeguato: per tua fortuna vivi in un tempo e in una zona del mondo (= quello occidentale) dove far parte di una minoranza non é più una disgrazia o una condanna all'ostracismo sociale. Auguri, di poter fare chiarezza.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

News Letters