Pubblicità

sessualità (47783)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 48 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Carlo, 31anni (29.1.2002)

Gentile dottore, da diversi anni a questa parte ho sviluppato in modo sempre più assiduo una passione per la pornografia che mi ha creato non pochi problemi. Nei primi anni dell'adolescenza ho iniziato ad immaginare di tutto con donne molto più grandi di me, cosa che mi ha impedito di avere rapporti normali con le mie coetanee. Poi intorno ai 20 accanto allo sviluppo di una personalità apparentemente sicura di sé, sciupafemmine ed eccentrica è cresciuta l'insicurezza sessuale dovuta alla verginità, con fidanzate che dovevo lasciare per via dell'ingombranza di questa " vergogna ", e con un'attenzione sempre maggiore verso la pornografia e i suoi aspetti "scabrosi" (?!) Ho iniziato a bere per abitudine e il mio lavoro ( lavoro nello spettacolo ) sebbene non mi sia mai mancato non è mai decollato come avrebbe potuto. Oggi vivo con una donna divorziata più grande di me di 8 anni, con 2 bambini. Ho rapporti soddisfacenti da 3 anni,ho smesso di fumare, di bere, sono un papà amorevole, il lavoro va bene ma.........la pornografia mi piace ancora tanto. Dopo aver smesso di comprare ( e buttare ) riviste e video vari ho inserito fra i siti preferiti, camuffati e difficilissimi da trovare, dei siti porno. In particolare la mia passione è per le donne abbondanti e il più lascive possibile, nonché per le orge...insomma, tutto ciò che non si dovrebbe fare. ( ?!) So che molte persone acquistano questo tipo di materiale sebbene ognuna di queste persone agisca nell'ombra come il sottoscritto. Ma magari loro si sentono a posto...io no! Che fare? Qui si tratta di carne e spirito. Parti basse e parti alte. Come trovare un equilibrio? Grazie mille.
Carlo

Non credo che il punto sia trovare un equilibrio fra carne e spirito ma il potere vivere serenamente senza un impulso che lei non può controllare e che la mette in costante contraddizione con sè stesso. La consiglierei pertanto di iniziare un lavoro di psicoterapia che può aiutarla non solo a tenere a bada la sua compulsione, ma a rimuoverla del tutto, consentendole così di ritrovare rinnovate energie psichiche da indirizzare nella realizzazione della sua vita lavorativa e familiare.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters

0
condivisioni