Pubblicità

sessualità (47783)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 63 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Carlo, 31anni (29.1.2002)

Gentile dottore, da diversi anni a questa parte ho sviluppato in modo sempre più assiduo una passione per la pornografia che mi ha creato non pochi problemi. Nei primi anni dell'adolescenza ho iniziato ad immaginare di tutto con donne molto più grandi di me, cosa che mi ha impedito di avere rapporti normali con le mie coetanee. Poi intorno ai 20 accanto allo sviluppo di una personalità apparentemente sicura di sé, sciupafemmine ed eccentrica è cresciuta l'insicurezza sessuale dovuta alla verginità, con fidanzate che dovevo lasciare per via dell'ingombranza di questa " vergogna ", e con un'attenzione sempre maggiore verso la pornografia e i suoi aspetti "scabrosi" (?!) Ho iniziato a bere per abitudine e il mio lavoro ( lavoro nello spettacolo ) sebbene non mi sia mai mancato non è mai decollato come avrebbe potuto. Oggi vivo con una donna divorziata più grande di me di 8 anni, con 2 bambini. Ho rapporti soddisfacenti da 3 anni,ho smesso di fumare, di bere, sono un papà amorevole, il lavoro va bene ma.........la pornografia mi piace ancora tanto. Dopo aver smesso di comprare ( e buttare ) riviste e video vari ho inserito fra i siti preferiti, camuffati e difficilissimi da trovare, dei siti porno. In particolare la mia passione è per le donne abbondanti e il più lascive possibile, nonché per le orge...insomma, tutto ciò che non si dovrebbe fare. ( ?!) So che molte persone acquistano questo tipo di materiale sebbene ognuna di queste persone agisca nell'ombra come il sottoscritto. Ma magari loro si sentono a posto...io no! Che fare? Qui si tratta di carne e spirito. Parti basse e parti alte. Come trovare un equilibrio? Grazie mille.
Carlo

Non credo che il punto sia trovare un equilibrio fra carne e spirito ma il potere vivere serenamente senza un impulso che lei non può controllare e che la mette in costante contraddizione con sè stesso. La consiglierei pertanto di iniziare un lavoro di psicoterapia che può aiutarla non solo a tenere a bada la sua compulsione, ma a rimuoverla del tutto, consentendole così di ritrovare rinnovate energie psichiche da indirizzare nella realizzazione della sua vita lavorativa e familiare.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Le parole della Psicologia

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

News Letters

0
condivisioni