Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

sessualità (47783)

on . Postato in Sessualità | Letto 14 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Carlo, 31anni (29.1.2002)

Gentile dottore, da diversi anni a questa parte ho sviluppato in modo sempre più assiduo una passione per la pornografia che mi ha creato non pochi problemi. Nei primi anni dell'adolescenza ho iniziato ad immaginare di tutto con donne molto più grandi di me, cosa che mi ha impedito di avere rapporti normali con le mie coetanee. Poi intorno ai 20 accanto allo sviluppo di una personalità apparentemente sicura di sé, sciupafemmine ed eccentrica è cresciuta l'insicurezza sessuale dovuta alla verginità, con fidanzate che dovevo lasciare per via dell'ingombranza di questa " vergogna ", e con un'attenzione sempre maggiore verso la pornografia e i suoi aspetti "scabrosi" (?!) Ho iniziato a bere per abitudine e il mio lavoro ( lavoro nello spettacolo ) sebbene non mi sia mai mancato non è mai decollato come avrebbe potuto. Oggi vivo con una donna divorziata più grande di me di 8 anni, con 2 bambini. Ho rapporti soddisfacenti da 3 anni,ho smesso di fumare, di bere, sono un papà amorevole, il lavoro va bene ma.........la pornografia mi piace ancora tanto. Dopo aver smesso di comprare ( e buttare ) riviste e video vari ho inserito fra i siti preferiti, camuffati e difficilissimi da trovare, dei siti porno. In particolare la mia passione è per le donne abbondanti e il più lascive possibile, nonché per le orge...insomma, tutto ciò che non si dovrebbe fare. ( ?!) So che molte persone acquistano questo tipo di materiale sebbene ognuna di queste persone agisca nell'ombra come il sottoscritto. Ma magari loro si sentono a posto...io no! Che fare? Qui si tratta di carne e spirito. Parti basse e parti alte. Come trovare un equilibrio? Grazie mille.
Carlo

Non credo che il punto sia trovare un equilibrio fra carne e spirito ma il potere vivere serenamente senza un impulso che lei non può controllare e che la mette in costante contraddizione con sè stesso. La consiglierei pertanto di iniziare un lavoro di psicoterapia che può aiutarla non solo a tenere a bada la sua compulsione, ma a rimuoverla del tutto, consentendole così di ritrovare rinnovate energie psichiche da indirizzare nella realizzazione della sua vita lavorativa e familiare.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione, paura (151…

klava, 20     Salve, mi chiamo Claudia, sono una studentessa universitaria. Ultimamente sto rivivendo un circolo vizioso dato (credo) dall'ansia ...

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il decl...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa ...

News Letters