Pubblicità

Sessualità (51746)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 34 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Massimo 40 anni 02.08.02

Egr. Dottore, ho un grave problema, almeno io lo vivo così... Sono un imprenditore di discreto successo, due lauree e provengo da una famiglia di alto livello socio culturale. Sono sposato e ho un figlio, sono sempre stato attratto dalle donne, ma da qualche anno a questa parte mi succede di immaginarmi donna con un uomo molto più grande di me. Sin qui è forse facilmente comprensibile l'eventuale "patologia", ma la cosa che mi stupisce di più è che questo desiderio compare solo ed unicamente in concomitanza di eventi molto gratificanti, come ad esempio un successo lavorativo, la chiusura di un contratto importante e così via. Dopo qualche giorno tutto questo scema nel nulla ed anzi mi ripugna l'averlo desiderato ed immaginato. Tengo a precisare che mon ho mai avuto rapporti con uomini, ma questa cosa ormai mi sta disturbando molto. Potreste aiutarmi a capire? Grazie in anticipo per quanto potrete fare.

Caro Massimo ( 40 anni) , vorrei poterla tranquillizzare con un facile "non ci stia a badare" , "tutti abbiamo qualche fantasia strana" , si concentri sulle cose buone che ha ( famiglia, lavoro, cultura, ecc ) ma so che a tanto avrà già provato anche lei. Prendo atto che ora - per lei - il problema si é fatto "grave" e che la sta "disturbando molto" . Allora, si faccia coraggio ed affronti la cosa. Nell'ottica psicanalitica (Freud, ma anche Jung ) la bisessualità psichica originaria si risolve normalmente nel processo evolutivo con la RIMOZIONE di una componente ( di solito quella omosessuale ) e il prevalere sostanziale dell'altra ( quella eterosessuale). Per la maggior parte della popolazione , perciò , prevale l'attrazione per l'altro sesso. Ciò non impedisce tuttavia che in una percentuale di persone di questo tipo (sostanzialmente etero ) in certe fasi della vita o a una certa età ci sia un "RITORNO DEL RIMOSSO " e ricompaiano componenti omosessuali o pregenitali. Se queste vengono adeguatamente integrate , o nuovamente rimosse , o sublimate nella tenerezza, o vissute nei preliminari giocosi col proprio partner... non costituiscono un grave problema. Nel caso suo invece , il fatto che la fantasia di "essere donna con un uomo molto più grande " compaia ricorrentemente dopo un successo professionale o una gratificazione economica... fa pensare a una dinamica sottostante abbastanza forte da non poter essere ignorata facilmente. Il suggerimento più opportuno allora sembra essere quello di rivolgersi a un bravo psicoterapeuta a orientamento analitico che le permetta di prendere coscienza dell'entità della sua eventuale componente omo e procedere o a una valida integrazione, o a un viraggio nell'orientamento maggiormente egosintonico. La cosa potrà farle paura, potrà temere il prezzo emotivo o temporale o economico... ma ne guadagnerebbe in termini di serenità e di autenticità. Mi vien da citarle una lettera di Freud a una madre americana ( 9 aprile 1935) preoccupata per il figlio : "Se é infelice, nevrotico, lacerato dai conflitti , inibito nella vita sociale, l'analisi può portargli l'armonia, la tranquillità psichica, una piena efficienza sia che rimanga omosessuale o che cambi" . Rovesciando il problema per lei , rimanere com'è o cambiare, non sarebbe comunque qualcosa di altamente desiderabile?

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters

0
condivisioni