Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (52603)

on . Postato in Sessualità | Letto 9 volte

Alessandra, 23 anni, 15.09.02

Da quando sono cominciati i primi rapporti sessuali non ho mai provato nulla... Ed è questo il mio problema. Ultimamente poi non ho più voglia, anche perché sono stufa di farlo sempre in macchina. Amo il mio ragazzo, ma con lui non si può parlare: appena accenno al problema lui mi dice che abbiamo solo 23 anni e che quindi questi problemi non ci devono essere. Secondo lui, dovremmo farlo ogni volta che ci viene voglia, anche se il contesto non lo permette. A volte mi sento obbligata a farlo, e quindi fingo, sperando che non se ne accorga... La mia situazione familiare direi che è abbastanza normale, con un padre che adoro e che adora me e una madre brava, anche se troppo lavoratrice, che mi riempie di attenzioni materiali (sono figlia unica), forse cercando di perdonarsi il fatto di non avermi cresciuta e di avermi lasciato alle cure della nonna paterna. Ma non ce l'ho con lei per questo, dopotutto l'ha fatto per me. Studio all'università, alla facoltà di Medicina e Chirurgia. Frequento il corso di laurea "Tecnico della riabilitazione psichiatrica", ed è lo studio che mi ha spinto a sfogarmi con qualcuno. Fingo di avere una vita sessuale normalissima, anche se la notte sogno di farlo con chiunque mi capiti a tiro... Spero che mi risponderete. Anticipatamente ringrazio.

Cara Alessandra quello che ti sta succedendo potrebbe essere un problema situazionale dovuto all'attuale legame che potrebbe nascondere, al di là del bene che riferisci di provare per il tuo ragazzo, dei conflitti relazionali che si concretizzano in una mancata risposta sessuale. Altro motivo potrebbe essere l'inesperienza. Per raggiungere una buona intesa sessuale è necessario che tra i partners si stabilisca una certa intimità e confidenza. Il rapporto sessuale non è solo la penetrazione ma è importante che ci siano tutta una serie di preliminari fatti di baci, carezze, sfioramenti sempre più intimi che permettano in entrambi l'innescarsi della fase dell'eccitazione. Questa è una fase molto importante perché permette d'allentare le tensioni e sbloccare i freni inibitori aprendo la via al piacere sessuale che ha il suo acme nella fase orgasmica. Da quanto riferisci queste sensazioni ti sono sconosciute, almeno che non le hai sperimentate con la masturbazione, pertanto ti sollecito ad affrontare l'argomento in modo serio con il tuo ragazzo e se continuerà a non darti ascolto rifletti se è il caso di mandare avanti un rapporto che ti priva di una parte tanto importante della tua vita. Ultimo suggerimento, se hai fatto altre esperienze con questo tipo di risposta con altri ragazzi o attraverso la masturbazione (se ti masturbi) ti consiglio di rivolgerti ad un sessuologo per un consulto. Auguri.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. È definita come una pau...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

News Letters