Pubblicità

Sessualità (53127)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 53 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Teresa, 28 anni, 02.10.02

Da un po' di tempo ho delle reazioni sessuali per me anomale e mai manifestate prima.
Da un po' mi sono lasciata con il mio ragazzo con cui sono stata 5 anni e mezzo. Durante questi 5 anni ho avuto però 2 storie con due uomini e una storia di una notte. Ho una vita momentaneamente in cambiamento lento, lavoro in un ufficio di relazioni internazionali ma vorrei e dovrei accettarne uno nuovo ancora più adatto a me di questo che ho, che ormai non mi da più nulla di soddisfacente. Sto finendo l'università con fatica ma con soddisfazioni(subito dopo la morte della mia nonna, per un anno ho dovuto anche seguire, da figlia unica di genitori da sempre separati, la malattia di mio padre, assente nella mia vita, che vive a 50km di distanza!).
Ho molti interessi e sono una ragazza solare con amici (pochi ma buoni) e allegri conoscenti in ogni ambiente che frequento. Nell'ultimo mese mi sono "innamorata on-line" di un ragazzo con cui mi scrivevo: l'ho incontrato qualche giorno fa e ovviamente è stata una delusione a pelle (non che fosse particolarmente sgradevole!), ma non c'entra nulla con me.
Da quel momento (deludente) ho un atteggiamento di ricerca costante - ma non più sul web - verso una persona con cui esprimere sentimenti fortissimi.
Poi è apparsa la fantasia di saltare come una bohemienne da un letto all'altro con persone con cui esprimere (e forse gestire) la mia emotività, non per prenderli in giro ma per sentirmi la regina dei loro sentimenti e di ogni mio cambiamento emotivo, per vivere con loro qualsiasi mio umore con cinica disinvoltura. Ho immaginato di poter accettare dei soldi per sesso, di passare del tempo con un uomo che non mi piace ma che potrei sedurre e basta...
Poi strano fatto: al lavoro un uomo ha sbagliato numero ma ha continuato a parlare con me per qualche secondo dicendosi ammaliato dalla mia voce e simpatia. Mi richiamò 2 giorni dopo, ma dovetti attaccare salutandolo appena (mi imbarazzò il fatto che avevo dei colleghi intorno e fui drastica, ma me ne pentii molto). Il fatto mi ha colpita e intrigata moltissimo. Non vedo l'ora che mi richiami. Il problema: non ho mai avuto prima tanta attenzione sessuale per gli uomini.
Ho avuto sempre una sessualità serena e di normale scoperta. Non mi sono mai sentita così ninfomane (!) e allo stesso tempo intimidita dalle infinite possibilità (ma che non ho tentato!!).
Ho paura anche che traspaiano questi istinti e il pensiero di ciò mi inorridisce (infatti ho pensato addirittura ad uno scherzo nel caso "dell'uomo del telefono"!)
Grazie per la risposta/aiuto che vorrà darmi, mi sento poco normale!
Teresa

Cara Teresa da quel poco che trapela dalla tua lettera si può intuire un temperamento incline alla noia con un sottofondo impalpabile di rabbia.
Le cose ti interessano fino a quando la tua curiosità non viene appagata, a quel punto per non soccombere hai bisogno di nuove sensazioni. In questo periodo per una serie concomitante di eventi ti trovi a confrontarti con questo aspetto della tua personalità che forse avevi sottovalutato. La malattia di tuo padre, il diminuito interesse per il lavoro che stai svolgendo, l'Università che, nonostante le soddisfazioni, non riesci ancora a concludere e la mancanza di una storia affettiva significativa hanno contribuito ad amplificare la necessità di trovare nuovi stimoli. Hai focalizzato la tua attenzione sulla sessualità perché al momento gli altri interessi della tua vita per essere modificati hanno bisogno di tempo mentre un cambiamento nella vita affettiva lo consideri dipendente dalla tua volontà.
Dalle tue fantasie sessuali, di cui parli con timore, emerge la voglia di vendetta nei confronti di tuo padre. Vorresti poter usare gli uomini a tuo piacimento, senza coinvolgerti emotivamente, per poterti vendicare del male che ti ha fatto e forse anche di quello che può aver fatto a tua madre. Vorrei che ti soffermassi a riflettere su quanto ti ho scritto perché penso che nel significato delle mie parole puoi trovare la spiegazione a certi tuoi comportamenti e desideri.
Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni