Pubblicità

Sessualità (54038)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 35 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Paolo, 20 anni, 11/11/2002

Innanzitutto buongiorno e grazie in anticipo per l'aiuto che fornite a tutti noi! Sono un ragazzo di 20 anni e vi scrivo perché ho un grave problema che condiziona fortemente la mia vita sessuale e relazionale. A quanto ne so, il problema che sto per descrivervi è abbastanza diffuso tra gli adolescenti, ma il mio mi sembra comunque un caso limite e particolarmente strano, anche perché ho ormai 20 anni e non 15 o 16. In sintesi credo di essere ipereccitabile, in tutto ciò che questo può voler dire. Da sempre non riesco a gestire le mie emozioni, o meglio, la mia eccitazione. Per il resto sono una persona calma e tranquilla, nessuno mi definisce timido o ansioso, al massimo un po' introverso. Ma nel momento in cui semplicemente mi avvicino un po' ad una ragazza, anche se dentro di me mi sforzo di restare calmo e sereno (e penso di esserlo!!), mi capita sempre di avere erezioni immediate! Ormai non me ne stupisco quasi più, anche se a volte mi sembra una cosa impossibile... È sufficiente un suo sguardo languido, un discorso un po' confidenziale (anche al telefono), a volte basta anche solo starle vicino o vedere una che mi piace o perfino il solo sapere che le mie intenzioni sono ricambiate per avere un'immediata erezione con la conseguente secrezione del liquido caratteristico della fase dell'eccitazione.. tutto questo mi mette sempre in imbarazzo.. ovviamente poi, quando sono in mezzo alla gente, mi sento ancor più a disagio! Sembra un problema da nulla, sembra la normale manifestazione degli sconvolgimenti ormonali di un ragazzo, ma vi assicuro che è dura, perché a me sembra davvero una cosa eccessiva! ..e poi proprio a causa di queste mie esagerate reazioni, purtroppo pian piano ho smesso di avvicinarmi alle ragazze, per la paura di far figuracce facendo loro notare il mio problema. Col risultato che ora faccio anche più fatica a socializzare con loro... Cosa ancor più grave è che, anche se non ho ancora avuto rapporti completi so per certo (sia per l'autoerotismo che per deludenti esperienze passate..) che ho anche un problema di eiaculazione veramente precoce (forse la causa di entrambe le cose è la stessa?), e non so come risolverlo. Non so più come fare, perché sto buttando via la mia giovinezza, tra mille blocchi e stupide paure! Voglio guarire, nel corpo e nella mente e risolvere tutto e godermi la vita! Ho paura che ci sia qualche problema fisico, ormai non so più che pensare.. è possibile? Vi prego aiutatemi, ditemi cosa posso fare da solo per migliorare la mia vita e a chi eventualmente mi dovrei rivolgere per farmi dare una mano.. per favore.. Grazie mille.

Caro Paolo, la differenza tra ipereccitazione ed eiaculazione precoce c'è e consiste nella correlazione del fenomeno con ansia libera che non mi sembra tu abbia. Attraverso un'anamnesi ed uno studio ecologico del gruppo di appartenenza si riesce di solito, comunque, a dare una risposta valida sulla motivazione di un comportamento invalidante come quello che tu stai attivando. Noi impariamo a stabilire le nostre relazioni attraverso un vademecum ben preciso, che si forma con la nostra stessa storia personale. Quello che io avverto nel tuo racconto è una tendenza eccessiva a provare senso di colpa e a caricare le cose che capitano di troppa responsabilità. Il mio consiglio, perciò, è di rivisitare con serenità le tue convinzioni e le tue interpretazioni, cercando di disancorarti da aspettative ed eccessi di zelo. L'hai detto tu stesso, a 20 anni è abbastanza normale che ti succeda tutto ciò; e allora rimettiti in moto, anche perchè questa folgorante tempesta ormonale, che ti coinvolge ed assilla. si attenuerà solo attraverso una e sana attività sessuale.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

News Letters

0
condivisioni