Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (70624)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 27 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Laura 21 anni, 1.03.2004

Gentile prof.,sono una studentessa di 21 anni con un problema che mi affligge parecchio.
Da 4 anni sono fidanzata con un ragazzo di 22 anni. Il problema è il seguente: nonostante i numerosi tentativi, non siamo ancora riusciti ad avere rapporti sessuali.le premetto che entrambi siamo alla prima esperienza, quindi io sono ancora vergine.
Il fatto è che nel momento in cui dovrebbe esserci una penetrazione non riusciamo più ad andare avanti, io provo un forte dolore e lo prego di interrompere subito.
Il problema è sicuramente mio perché durante i preliminari non riesco ad avere un'eccitazione. questa mia mancanza di desiderio credo sia legata al fatto che quando avevo circa 11-12 anni, cominciai a frequentare una comunità ecclesiastica, dove appresi che il sesso prima del matrimonio è condannato. pertanto ogni volta che ne "avevo voglia" reprimevo quel pensiero, temendo una condanna anche da parte di me stessa; addirittura feci un vero e proprio "voto di castità".
Reprimendo quel desiderio allo stato cosciente, mi ritornava durante i sogni,soprattutto i primi tempi, ma, forse per la mia forza di volontà e di vergogna, riuscivo a svegliarmi e a interrompere quello che mi stava succedendo.
dopo qualche anno, mi resi conto che la religione non faceva per me (sono una persona fortemente influenzabile ed impressionabile), ed abbandonai la comunità.
Poi, conobbi il mio attuale ragazzo. nonostante non condannassi più il sesso e la sessualità in genere, però, non riuscivo più a provare eccitazione (all'inizio non avevamo rapporti sessuali completi, ma facevamo petting). eppure quando ero piccola l'eccitazione era così forte da arrivare all'orgasmo!questa situazione di "frigidità" dura ancora, e di certo non posso dire che la colpa sia del mio ragazzo.
Lui sa tutto, è preoccupato ma credo non lo dia a vedere per non spaventarmi. ancora oggi, inoltre, mi capita di svegliarmi durante la notte, mentre sono in uno stato di forte eccitazione che però,nel momento stesso in cui me ne rendo conto e in un certo senso me ne rallegro, scompare. quando facciamo petting provo un'eccitazione davvero debole, che è nulla in confronto a quella che riuscivo ad avere anni fa! spero che lei mi possa dare un consiglio su come risolvere questo problema ed, eventualmente, su una terapia che possa aiutarmi. la ringrazio.

Cara Laura la terapia consigliata è la TMI (Terapia Mansionale Integrata). Da quanto riferisci a proposito dei sogni e della tua reattività ipotizzo che la sintomatologia sessuale è psigogena.
Per quanto riguarda le tue osservazioni mi sembrano abbastanza plausibili, dati più certi si potrebbero acquisire soltanto con un lavoro mirato.
Partendo dal presupposto che il sintomo non è l'espressione di problematiche più profonde puoi fare un tentativo per cercare di superare l'attuale situazione.
La prima cosa da fare è quella di rendere partecipe in maniera molto chiara il tuo ragazzo delle emozioni negative che la sessualità ti suscita.
Fatto questo dovreste per ora abbandonare l'idea della penetrazione e concentrarvi esclusivamente verso pratiche finalizzate al piacere corporeo senza fini sessuali.
Questo potete farlo accarezzandovi e sfiorandovi a vicenda con le mani e con le labbra senza stimolare le zone erogene (seno, glutei e genitali), soltanto quando ti sentirai tranquillita e rilassata potrete passare alla ricerca del piacere sessuale con la stimolazione delle zone prima estromesse.
Il fatto di escludere da queste pratiche la penetrazione ti dovrebbe permettere di raggiungere l'intimità giusta con il tuo partner per arrivare a considerare il coito un passaggio naturale per sentirsi maggiormente vicini. I risultati li potrai vedere dopo qualche mese ma se la situazione resta immutata l'alternativa è la terapia. Auguri
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

News Letters

0
condivisioni