Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (70624)

on . Postato in Sessualità | Letto 8 volte

Laura 21 anni, 1.03.2004

Gentile prof.,sono una studentessa di 21 anni con un problema che mi affligge parecchio.
Da 4 anni sono fidanzata con un ragazzo di 22 anni. Il problema è il seguente: nonostante i numerosi tentativi, non siamo ancora riusciti ad avere rapporti sessuali.le premetto che entrambi siamo alla prima esperienza, quindi io sono ancora vergine.
Il fatto è che nel momento in cui dovrebbe esserci una penetrazione non riusciamo più ad andare avanti, io provo un forte dolore e lo prego di interrompere subito.
Il problema è sicuramente mio perché durante i preliminari non riesco ad avere un'eccitazione. questa mia mancanza di desiderio credo sia legata al fatto che quando avevo circa 11-12 anni, cominciai a frequentare una comunità ecclesiastica, dove appresi che il sesso prima del matrimonio è condannato. pertanto ogni volta che ne "avevo voglia" reprimevo quel pensiero, temendo una condanna anche da parte di me stessa; addirittura feci un vero e proprio "voto di castità".
Reprimendo quel desiderio allo stato cosciente, mi ritornava durante i sogni,soprattutto i primi tempi, ma, forse per la mia forza di volontà e di vergogna, riuscivo a svegliarmi e a interrompere quello che mi stava succedendo.
dopo qualche anno, mi resi conto che la religione non faceva per me (sono una persona fortemente influenzabile ed impressionabile), ed abbandonai la comunità.
Poi, conobbi il mio attuale ragazzo. nonostante non condannassi più il sesso e la sessualità in genere, però, non riuscivo più a provare eccitazione (all'inizio non avevamo rapporti sessuali completi, ma facevamo petting). eppure quando ero piccola l'eccitazione era così forte da arrivare all'orgasmo!questa situazione di "frigidità" dura ancora, e di certo non posso dire che la colpa sia del mio ragazzo.
Lui sa tutto, è preoccupato ma credo non lo dia a vedere per non spaventarmi. ancora oggi, inoltre, mi capita di svegliarmi durante la notte, mentre sono in uno stato di forte eccitazione che però,nel momento stesso in cui me ne rendo conto e in un certo senso me ne rallegro, scompare. quando facciamo petting provo un'eccitazione davvero debole, che è nulla in confronto a quella che riuscivo ad avere anni fa! spero che lei mi possa dare un consiglio su come risolvere questo problema ed, eventualmente, su una terapia che possa aiutarmi. la ringrazio.

Cara Laura la terapia consigliata è la TMI (Terapia Mansionale Integrata). Da quanto riferisci a proposito dei sogni e della tua reattività ipotizzo che la sintomatologia sessuale è psigogena.
Per quanto riguarda le tue osservazioni mi sembrano abbastanza plausibili, dati più certi si potrebbero acquisire soltanto con un lavoro mirato.
Partendo dal presupposto che il sintomo non è l'espressione di problematiche più profonde puoi fare un tentativo per cercare di superare l'attuale situazione.
La prima cosa da fare è quella di rendere partecipe in maniera molto chiara il tuo ragazzo delle emozioni negative che la sessualità ti suscita.
Fatto questo dovreste per ora abbandonare l'idea della penetrazione e concentrarvi esclusivamente verso pratiche finalizzate al piacere corporeo senza fini sessuali.
Questo potete farlo accarezzandovi e sfiorandovi a vicenda con le mani e con le labbra senza stimolare le zone erogene (seno, glutei e genitali), soltanto quando ti sentirai tranquillita e rilassata potrete passare alla ricerca del piacere sessuale con la stimolazione delle zone prima estromesse.
Il fatto di escludere da queste pratiche la penetrazione ti dovrebbe permettere di raggiungere l'intimità giusta con il tuo partner per arrivare a considerare il coito un passaggio naturale per sentirsi maggiormente vicini. I risultati li potrai vedere dopo qualche mese ma se la situazione resta immutata l'alternativa è la terapia. Auguri

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenien...

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

News Letters