Pubblicità

Sessualità (72192)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 46 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nausica 25 anni, 24.05.2004

Ho 25 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 29.
Un po' di tempo fa ho chiesto al mio fidanzato se avesse mai visitato dei siti porno, e se lo facesse tuttora.
La risposta affermativa anche alla seconda domanda mi ha un po' inquietata. qualche giorno dopo, a casa sua, mi ha confessato di avere l'abitudine di scaricare da internet dei brevi filmati porno, vedendo i quali si masturba; io incuriosita ne ho voluto vedere uno...
Ebbene, era proprio squallido per i miei gusti, per fortuna durava solo una manciata di secondi. mi sono sentita fortemente delusa da una persona che giudicavo di gusti raffinati (bella musica, belle letture, belle propensioni in generale)...e mi sono sentita poco attraente e fantasiosa sessualmente...
La nostra vita sessuale è piacevole, spesso "acrobatica" o cmq passionale...lui mi ha sempre raccontato diverse sue fantasie, ed io a lui... ma il fatto che lui veda queste cose, mi intristisce e mi spinge a pensare che c'è qualcosa di non detto. e' preoccupante che un ragazzo di 29 anni faccia queste cose? e' solo un diverso modo di pensare che non posso capire? e' immaturo? e' normale che ora lo reputi una persona triste e non riesca a fare altro che pensare a questa cosa??? vi ringrazio

Cara amica considerare l' attività masturbatoria del tuo ragazzo squallida lo reputo limitativo della sua libertà.
Forse quando gli hai posto la domanda, se aveva l'abitudine di visionare film porno, nella tua testa c'era la fantasia che non l'aveva mai fatto e che mai l' avrebbe fatto, che il sesso tra voi era perfetto e che lui non aveva bisogno di ricorrere a queste cose e che come te considerava dei " poveracci" quelli che lo facevano.
Prima di fare questa domanda ti saresti dovuta porre il quesito se avevi abbastanza spirito per accettare senza recriminare qualsiasi tipo di risposta.
In ogni relazione c'è qualcosa di non detto, personalmente trovo molto importante riuscire a mantenere all'interno della coppia una certa autonomia, se fai un piccolo esame forse ti renderai conto che anche tu hai la tua piccola zona d'ombra che non vuoi condividere con nessuno neppure con il tuo lui.
Fare uso di materiale pornografico diventa un problema quando la persona trasforma una modalità occasionale in una dipendenza e fa di questa la sua unica fonte di piacere sessuale.
Da quanto riferisci mi sembra che il vs rapporto è vivo ed assiduo per cui almeno per ora non mi sembra di ravvisare questo tipo di pericolo.
Buona musica, buone letture... ambisci alla perfezione, un uomo padrone delle proprie emozioni, senza debolezze e l'istinto? Vorresti mortificarlo? Un uomo incompiuto dunque? Lasciati andare non puoi che trarne beneficio. Auguri

 

pubblicità
Se vuoi saperne di più su coppia e sessuologia, guarda i libri presenti su Psiconline® Professional Store!

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters

0
condivisioni