Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (7610)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

Michela,30 anni

Da 14 mesi ho una relazione con un uomo di 40 anni sieropositivo.
Non è stato semplice il rapporto e l'accettazione con la malattia.
E' un uomo affascinante presente interessante bello ed io nonostante tutto tengo molto a lui. Nel mese di maggio, dopo episodi poco chiari e le mie insistenze e i miei interrogatori (sono un avvocato) lui mi confessa che da più di dieci anni ha incontri mensili con transessuali ( per lo più a suo dire orali)coadiuvati dall'utilizzo di sost. stup. e questo è accaduto anche durante la nostra storia ed è così che ha contratto l'hiv è iniziato l'incubo . La scoperta delle menzogne, il dover fare i conti con la tremenda realtà l'insicurezza. Lui mi ha chiesto aiuto, l'ho trascinato da un comportamentista il più bravo e conseguentemente vi son dovuta andare anche io.I mesi successivi son stati deliranti con qualche sprazzo di gioia.
Sono stata molto male, sto ancora male. In queti mesi ho sentito parlare di perversione, di doc, di plagio , di pericolo ma sono molto confusa.
Mi sento divisa in due una parte razionale che dice scappa ed una parte emotiva che lo ama molto.
Lui giura e spergiura di non essere più stato con un trans dalla confessione ma io devo fare i conti con la ormai pochissima fiducia e stima che nutro.
So che è difficile dare un consulto con così pochi dati ma non so come comportarmi e soprattutto ho paura.Lei cosa ne pensa io son molto giovane e il dottore mi dice che non posso avere la forza che è una cosa troppo complessa.
non so più a cosa credere. grazie

Cara michela,in effetti il quesito che pone è di estrema complessità e dare una risposta con così pochi elementi, come lei stessa ha sottolineato, è molto difficile. L’unica cosa che mi sento di dirle è che alla base delle relazioni, che siano di amicizia, di amore, filiali o altro, ci devono essere due ingredienti di base imprescindibili: il primo è la fiducia e il secondo è il rispetto dell’altro.In questa storia mi sembra manchi da parte del suo compagno il rispetto necessario a confessarle subito la sua situazione e da parte sua, credo manchi di rimando ora una sufficiente fiducia nel suo partner.Con questi presupposti, faccia lei i suoi conti, ma non credo ci siano le basi sufficienti per mantenere una relazione. In ogni caso, vista l’estrema difficoltà di questa situazione le consiglio di consultare uno psicoterapeuta cognitivo che potrà supportarla e aiutarla in questa situazione e, se dovesse ritenere che vi siano comunque le basi per mantenere la relazione, le consiglio di farvi supportare come coppia da un terapeuta di coppia che potrà aiutarvi a superare la complicata situazione.Spero di esserle stata utile

( risponde La dott.ssa Laura Duranti )

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters