Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (79204)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 32 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Martina, 22 anni

Egregi Dottori,vi scrivo per cercare di avere un pò più di chiarezza per quel che riguarda quello che sto vivendo ora. Da circa un anno e mezzo sto insieme ad un ragazzo di 30, la nostra storia va bene, tutto è nella normalità, tranne per quel che riguarda un aspetto della nostra vita sessuale. Mi è sempre stato chiaro, fin da quando l'ho conosciuto, che provasse un certo tipo di passione per un materiale in particolare. Non so se mi spiego. Durante i nostri rapporti ci raccontiamo delle storie, in cui questo fa da terzo protagonista. A volte invece parti del mio corpo vengono avvolte in questo. Non mi sono mai tirata indietro, anzi sono sempre stata partecipe, sentendo che la nostra complicità in questi determinati momenti, è più forte e si creano sempre dei momenti molto intensi. E che anche a me riesce a creare delle emozioni. Ma credo che l'eccitazione che riuscirebbe a provare senza questi pensieri sarebbe di gran lunga diversa e più fredda Di questo ne sono sicura. Mi chiedo quindi, dovrei accettare la sua 'diversità', pensando che nonostante senza questo pensiero le cose sarebbero meno coinvolgenti, questo fa parte di lui;oppure faccio bene a sentirmi come mi sento a volte, cioè sminuita nel mio essere la sua donna, e quindi capace di creare da sola certe reazioni in lui? A volte è come vivere un rapporto a tre in un certo senso.
Inoltre non riesco a confrontarmi con nessuno su questa cosa, perchè significherebbe esporre una parte troppo intima della mia vita.E quindi non ho modo di parlarne, anche se ne avrei tanto bisogno. Dimenticavo:lui ha sempre avuto, fin da quando era bimbo, una certa passione nel meneggiare questo determinato materiale. A volte penso che ci possa essere qualcosa di un pò malsano,in realtà sono confusa. Spero di essere stata chiara. Grazie, Martina.

Cara Martina, capisco dalla tua mail la tua confusione e immagino che in parte possa essere legata ad una tua ambivalenza rispetto all’utilizzo di questo “determinato materiale” nella sessualità con il tuo ragazzo. Dici che ti eccita e che ti piace, ma anche che a volte ti fa sentire sminuita come donna… Capisco anche che avresti tanto bisogno di parlarne con qualcuno, ma che hai difficoltà a farlo, tanto che anche qui, nell’anonimato, non riesci a nominare cosa sia questo “determinato materiale”. E’ vero che nella sessualità in linea di massima ritengo che ogni cosa sia ammessa, purché approvata da entrambi i componenti e se procura piacere a entrambi. Ma credo che ci siano alcune cose, così come alcuni materiali, che non possono essere considerati del tutto innocui. Insomma, Martina, ogni materiale ha un suo significato e una sua connotazione, oltre che una sua simbologia…..e questo può fare la differenza tra normalità e perversione. Ti invito a tentare di essere più esplicita, in modo che tu possa liberarti da questo segreto imbarazzante e anche darmi qualche strumento in più per risponderti. Al di là di questo, poiché credo che il modo di vivere la sessualità sia sempre anche uno specchio di come ci si vive la relazione, mi domando e ti domando se tu non ti senta anche nella relazione con quest’uomo sminuita a volte, o poco considerata come donna. Sembra che da qualche parte di te stessa tu non ti senta sicura di essere “abbastanza” per lui, e questo credo sia da approfondire. Mi domando inoltre se tu ti sia mai permessa di viverti altri tipi di fantasie col tuo ragazzo, se ti sia mai stato possibile o se, invece, il materiale di cui parli è sempre e costantemente presente…. Perché una sessualità “normale” generalmente è una sessualità che cambia, dove si scoprono cose nuove e ci si vivono le fantasie di entrambi. Quando è fortemente ancorata ad un copione, sempre quello, senza elementi nuovi o senza la possibilità di sperimentare altro, allora credo che non possa essere definita “normale”. Sempre ammesso che in quest’ambito la parola “normale” abbia un senso. Dunque, Martina, cerca di uscire un po’ più allo scoperto, scrivi ancora qui o rivolgiti a qualcuno per una consulenza sull’argomento, perché solo così ti dai la possibilità di fare un po’ più di chiarezza su di te e i tuoi sentimenti.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

News Letters

0
condivisioni