Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (8965)

on . Postato in Sessualità | Letto 5 volte

Rossella, 44 anni

Sono disperata, vi prego di aiutarmi a non lasciarlo... Lui è malato, vive di pornografia, di chat rigorosamente hard, di films porno, di siti da cui stampa foto. Quando l'ho scoperto ha negato la sua dipendenza ma, mi ha chiesto di farlo con lui "ogni tanto".
Lo faccio e nonostante questo lui continua a farlo da solo di nascosto. Ora mi chiede di frequentare altri uomini in sua presenza, di invitare un'altra "coppia" da noi o di andare in un privè.
Non ha problemi di passionalità, nè di erezione anzi, è sempre eccitato e continua a ripetere di amarmi e che nessuna donna l'ha mai soddisfatto quanto me. Vesto sempre sexy e spesso gli faccio sorprese che gradisce molto. Allora?.... Chi ama può gettare la propria donna tra le braccia di un'altro ed eccitarsi? E come può pensare che, amandolo, io possa eccitarmi nel "vederlo" con un'altra?
Ritiene che i sentimenti non c'entrano, si tratterebbe solo di complicità. Sono sua complice in molte sue perversioni, che non sto ad elencare, ma ho bisogno di un uomo sano e di un rapporto a due.....

Cara rossella dalla tua età deduco che stiamo parlando di un uomo adulto che non ha la minima intenzione di mettere in discussione il suo comportamento sessuale. Ti sottopone a continue richieste e cerca in tutti i modi di portarti ad assecondare i sui gusti e le sue scelte.Continua a farti richieste che non condividi, anzi disapprovi, ma finisci sempre con l'accontentarlo.
Chiedere di aiutarti a non lasciarlo è come chiedere di diventare suo complice. Quello che non comprendi è che ogni volta che accetti una sua proposta aumenti la posta in gioco. Non ti aspettare riconoscimenti, l'escalation che si è innescata non porta a niente di buono. Non c'è lo con lui, è un malato del sesso che non ha cognizione della sua condizione, ma tu devi essere forte e determinata.
Lasciarlo potrebbe significare porlo di fronte alla nuda realtà: la sua dipendenza sessuale.Se non riesci ad adottare una linea dura sarebbe più saggio da parte tua cercare di capire perché stai con un uomo che ti sottopone ad una continua tortura psicologica.
Nel rapporto sessuale tra due individui adulti e in grado di intendere e volere non ci sono cose giuste o sbagliate ma ci deve essere condivisione, quando questa manca e uno dei due subisce la volontà dell'altro vengono meno il principio di piacere e di libertà.
Auguri

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un d...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters