Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità, ansia (62821)

on . Postato in Sessualità | Letto 11 volte

Tabris 20 anni, 14.03.2003

Gentilissimi Psicologi!! Scrivervi è per me una cosa molto difficile e farlo oggi credo proprio stia nel fatto che ormai voglio cercare di capire ma , solo, penso di non riuscirci..
Sono un ragazzo di 20 anni che ha nella sua testa tanta tanta confusione ; le tematiche che tratterò saranno troppe probabilmente ,quindi non vi chiedo di rispondere a tutto ma alle cose che credete siano piu importante quelle che magari riuscendo a capire, ad "analizzare" di piu potrebbero avere una certa influenza sul resto dei miei problemi come fossero una catena...
Non amo il sesso , ebbene si!
Per anni ho creduto che questo fosse dovuto alla mia presunta omosessualità e in effetti l'unico periodo piu " esaltante " , piu "vivo" sessualmente parlando è stato con un ragazzo qualche anno anni fa, durato all'incirca 16 mesi ..
Ma ora che questo ragazzo non c'è piu, che ho accettato questo mio essere "gay" ,nonostante il vivere in una città in cui conosco tantissimi gay , non riesco piu a fantasticare sul sesso, anzi a volte , lo odio questo sesso...mi chiedo perchè; incontro cosi tante persone etero,omo che adorano il sesso,ne parlano tanto e soprattutto con tanto entusiasmo..
Mentre io (oltre al fatto di essere vergine) non provo nessun interesse.. Mi masturbo ok , ma credetemi la masturbazione non mi esalta nemmeno tantissimo !! Ne soffro ,perchè anche io vorrei poter provare il piacere del sesso ( e penso che sia giusto e umano)..
Suppongo che se il sesso mi piacesse davvero riuscirei perfino a farlo con una donna... inoltre sono un pò complessato e mi chiedevo se :l'essere complessato possa essere motivo di presunta omosessualità ..vedere in altri quello che non si è , è quindi desiderarli !!! Sesso a parte, vivo molto la vita con ansia..
Ecco un altro problemino..sono ansioso in molte cose... !! Ma l'ansia mi preoccupa relativamente..
Infine ultima cosa.. Mi accorgo che ogni volta che mi succede qualcosa di bello,del tipo magari aver vinto alla lotteria, essere apparso in tv,aver visto personaggi magari famosi della tv,cioè vorrei che lo sapessero i miei amici..
Non so per dimostrare loro quello che mi succede.. E' come se dovessi sempre dimostrare qualcosa a qualcuno.. In ogni piccola cosa..
Perchè ??Come posso fare per smetterla?? E' una cosa che mi fa davvero stare male.. vorrei dedicare ogni cosa che mi succede a me stesso e non agli altri.. Scusatemi l'email lunga e confusionaria.. Vi prego,vi supplico, tagliatela, fatene quello che volete, ma aiutatemi, a capire almeno un quarto di tutto ciò... Ci sono metodi con cui posso darmi una mano?? Grazie mille ..Saluti Tabris

Non c'è dubbio che lei ha tutto il diritto ad una sessualità piena e felice e ad una vita senza ansie.
Il blocco di cui lei parla ( l'assenza di desiderio) può avere molte cause, una delle quali il non essersi accettato pienamente come omosessuale.
Ma potrebbero esservi anche insicurezze più profonde di origine inconscia che non è possibile individuare se non con una psicoterapia adeguata.
Lei parla anche di varii complessi, di paura di essere giudicato e di vivere in funzione del giudizio degli altri: anche questi aspetti della sua personalità hanno probabilmente origini remote e quindi , nel complesso, mi sento di consigliarle il ricorso di persona ad uno psicologo che possa aiutarla a fare chiarezza su queste sue componenti .

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

News Letters