Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità bambina 4 anni (140328)

on . Postato in Sessualità | Letto 8 volte

Pierluigi 43

Salve, scrivo perchè ho una bambina di 4 anni che a volte, adotta un comportamento "sessuale", non comune per l'età: si ritrova sul divano con un cuscino in mezzo alle gambe muovendo il bacino; molte volte ha lo stesso comportamento anche quando si trova in macchina legata sul seggiolino, usando l'attacco delle cinture centrale. E' ovvio che prova un certo piacere. Ultimamente ha preso a farlo saltuariamente anche alla scuola materna. Altre informazioni utili possono essere: ha un fratellino di 1.5 anni di cui è gelosissima. Molte volte questa gelosia domina completamente i sui comportamenti, ha iniziato a farlo prima della nascita del fratellino: ha iniziato a circa 1.5 anni, abbiamo l'impressione che sia un modo o per isolarsi o viceversa per attirare l'attenzione. Domande: 1) è normale? Tenete conto che nella sua scuola è l'unica ad avere questo comportamento (abbiamo chiesto alle maestre) 2) a cosa è dovuto? 3) come possiamo fare per aiutarla? 4) cosa possiamo fare per evitarlo? Occorre lasciarla continuare? Grazie per l'aiuto. Pierluigi.

Gentile Pierluigi, il comportamento "sessuale" di sua figlia lo considererei normale per la sua età. Ci sono bambini che a 3/4 e 5 anni sono più o meno curiosi e attenti verso il proprio corpo e sua figlia probabilmente è in grado di riconoscere le cosidette aree erogene, cioè le parti del corpo che se stimolate danno piacere. Il fatto che gli altri bambini non hanno questi comportamenti non significa che sua figlia sia anormale. Inoltre, non essendoci ancora stato uno sviluppo sessuale vero e proprio (che avviene solo con la pubertà e quindi verso i 10/12 anni per le bambine) non si può neanche parlare di comportamento sessuale, per cui in ciò che fa sua figlia non c'è nè malizia, nè tantomeno una provocazione sessuale; ma credo più semplicemente c'è curiosità verso il proprio corpo. Poi come giustamente ha sottolineato lei, da 1 anno e mezzo c'è nella storia di sua figlia un fratello, di cui è gelosissima. Io vi consiglio di approfondire questa parte più che il suo comportamento "sessuale", perchè forse sta lì la spiegazione del suo disagio. I bambini si esprimono tanto con i gesti più che con le parole e potreste pensare di rivolgervi ad uno psicoterapeuta per aiutare vostra figlia a trovare strumenti migliori per esprimere la sua sofferenza. Auguri.

(Risponde la Dott.ssa Voi Giovanna)

Pubblicato in data 03/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters