Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità bambina 4 anni (140328)

on . Postato in Sessualità | Letto 3 volte

Pierluigi 43

Salve, scrivo perchè ho una bambina di 4 anni che a volte, adotta un comportamento "sessuale", non comune per l'età: si ritrova sul divano con un cuscino in mezzo alle gambe muovendo il bacino; molte volte ha lo stesso comportamento anche quando si trova in macchina legata sul seggiolino, usando l'attacco delle cinture centrale. E' ovvio che prova un certo piacere. Ultimamente ha preso a farlo saltuariamente anche alla scuola materna. Altre informazioni utili possono essere: ha un fratellino di 1.5 anni di cui è gelosissima. Molte volte questa gelosia domina completamente i sui comportamenti, ha iniziato a farlo prima della nascita del fratellino: ha iniziato a circa 1.5 anni, abbiamo l'impressione che sia un modo o per isolarsi o viceversa per attirare l'attenzione. Domande: 1) è normale? Tenete conto che nella sua scuola è l'unica ad avere questo comportamento (abbiamo chiesto alle maestre) 2) a cosa è dovuto? 3) come possiamo fare per aiutarla? 4) cosa possiamo fare per evitarlo? Occorre lasciarla continuare? Grazie per l'aiuto. Pierluigi.

Gentile Pierluigi, il comportamento "sessuale" di sua figlia lo considererei normale per la sua età. Ci sono bambini che a 3/4 e 5 anni sono più o meno curiosi e attenti verso il proprio corpo e sua figlia probabilmente è in grado di riconoscere le cosidette aree erogene, cioè le parti del corpo che se stimolate danno piacere. Il fatto che gli altri bambini non hanno questi comportamenti non significa che sua figlia sia anormale. Inoltre, non essendoci ancora stato uno sviluppo sessuale vero e proprio (che avviene solo con la pubertà e quindi verso i 10/12 anni per le bambine) non si può neanche parlare di comportamento sessuale, per cui in ciò che fa sua figlia non c'è nè malizia, nè tantomeno una provocazione sessuale; ma credo più semplicemente c'è curiosità verso il proprio corpo. Poi come giustamente ha sottolineato lei, da 1 anno e mezzo c'è nella storia di sua figlia un fratello, di cui è gelosissima. Io vi consiglio di approfondire questa parte più che il suo comportamento "sessuale", perchè forse sta lì la spiegazione del suo disagio. I bambini si esprimono tanto con i gesti più che con le parole e potreste pensare di rivolgervi ad uno psicoterapeuta per aiutare vostra figlia a trovare strumenti migliori per esprimere la sua sofferenza. Auguri.

(Risponde la Dott.ssa Voi Giovanna)

Pubblicato in data 03/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters