Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità bambino (140747)

on . Postato in Sessualità | Letto 8 volte

Anonima

Buonasera, ho un figlio di 5 anni e mezzo. E' un bambino molto dolce, sensibile, allegro, di rara ballezza. Io e mio marito siamo una coppia serena, nella nostra famiglia regnano pace, amore e rispetto. Sono davvero molto rari episodi di tensione, o di rabbia, non si sbattono le porte, non si alza la voce. Amiamo la pace, e crediamo che è un dovere di chi la predica sia quello di realizzarla dove può. Il nostro modo di realizzare pace è quello di fare in modo che regni nell'ambiente familiare, e non ci riesce poi difficile, anzi, la cosa risulta naturale. Abbiamo anche un secondo figlio di 9 mesi. Ci riteniamo una famiglia fortunata, perchè serena e felice. Sò che sembra una descrizione da mulino bianco, ma è così che le cose stanno.Detto ciò, vengo al punto della richiesta Quando il mio primo genito aveva due anni, ed era in grado di esprimere, in modo corretto i propri pensieri, mi ha ammonita dicendomi :" Mamma, ma perchè mi dici sempre che sono bello e non mi dici bella? Io sono femmina!" Io gli ho spiegato che così non era, che lui era maschio come papà e non era femmina. Lui non ha accettato questa risposta, anzi, si è molto dispiaciuto e arrabbiato, continuava a dirmi che era femmina e vedevo nella sua espressione e nel suo tono, come un incapacità di capire perchè mai io gli stessi facendo questo dispetto, questo torto, dicendogli che era maschio. Quello fu il primo di innumerevoli episodi. Mio figlio quando entra in un negozio di abbigliamento, resta incantato dal reparto femminile, sebbene abbia rinunciato a chiedermi di aver comprato un vestitino a fiori o una cintura rosa luccicante. Ama frugare nel mio armadio e indossare i miei abiti, a volte si trucca con i miei cosmetici, predilige giochi femminili e compagnie di bambine piuttosto che di bambini, il suo colore preferito è il rosa. Una volta, circa 6 mesi fà, mi disse: "Mamma sai io sono nato femmina, poi non so com'è successo che mi sono trasformato in maschio, ma adesso mi ritrasformerò in femmina." Non so quante volte è venuto da me con la faccia triste dicendomi :"Mamma io voglio diventare femmina". La domanda che io pongo è la seguente, com' è giusto, che si comportino i genitori in questi casi? Fin ora io e mio marito gli abbiamo sempre detto che maschio è, e maschio rimarrà, abbiamo provato a farlo interessare a giochi maschili, a frequentatr amicizie maschili (sebbene il caso vuole che siamo circondati da amicizie con figlie femmine e le cuginette sono tutte femmine). Ma non siamo mai stati troppo rigidi. Quando prende un mio vestito dall'armadio non mi sento di rimproverarlo ma di certo non gli ho mai comprato la gonnellina rosa al negozio d'abbigliamento nonostante le sue pressanti richieste di qualche anno fà. E' colpa nostra se nostro figlio all'età di 5 anni abbia queste confusione sessuali? Abbiamo sbagliato qualcosa o forse lui è così, è nato così, ed è omosessuale? Io e mio marito siamo entrambi di ampie vedute, non ci turba affatto la possibilità che nostro figlio possa essere omosessuale, quello che ci chiediamo è come è giusto comportarsi in questa eventualità? Come ho detto prima il bambino è di rara bellezza, lineamenti di "porcellana", biondo occhi azzurri, pelle chiara, e fino ad un paio di anni fà, nonostante io sia sempre stata attenta a vestirlo da "maschietto", chiunque ci incontrava per strada, ci faceva i complimenti per la "bellissima bambina". Sono stata molto sintetica, mi rendo conto che non è semplice raccontare tre anni in poche righe, spero che le mie parole siano sufficienti a darmi qualche suggerimento. Grazie.

Cara Anonima, apprendo con piacere che siete una famiglia molto legata e con ampie vedute socio culturali, il che se è vero, non vi potrà turbare su ciò che il futuro potrà riservare per l'orientamento sessuale di vostro figlio. Secondo il mio modesto parere è ancora presto per determinare quello che sarà il definitivo orientamento sessuale, ha appena 5 anni, quindi consiglio di non diventare ansiosi e neppure frustranti nel inculcare a vostro figlio ciò che a voi può far più piacere. Consiglio di portare a consulto da uno psicologo psicoterapeuta dell'età evolutiva, il bambino, per aiutarlo nel suo percorso di fanciullo, può darsi che emerga, con il tempo, il suo vero orientamento sessuale. Auguri.

(Risponde il Dott. Pugelli Sergio)

Pubblicato in data 11/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissio...

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

News Letters