Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

sessualità e personalità (46725)

on . Postato in Sessualità | Letto 152 volte

Luciano, 40anni (26.12.2001)

Salve, mi chiamoLuciano,ho 40 anni divorziato e convivo con una donna da tre anni.ora , mi succede questo:non provo piu voglia di rapporti sessuali con la mia compagna o almeno poca voglia , nonostante lei faccia di tutto x stuzzicarmi ed eccitarmi.a volte ci riesce , ma dentro di me sento che è una cosa per me un po fatta controvoglia.nel senso che li per li ho voglia di arrivare al piacere ma,lei siccome vorrebbe piu preliminari baci e carezze essendo molto passionale,il protrarsi di questo da parte mia cercando di soddisfare per prima lei fa si che subentri in me la fatica e avverta a volte come un senso di nausea e quando arrivo finalmente all orgasmo dopo lei ,non provo piacere come vorrei perche l essermi trattenuto a lungo,mi dissolve molto.la mia compagna si arrabbia di questa mia svogliatezza sessuale e me ne dice a ragione di mille colori,stando anche male perche si sente non desiderata non amata e ne soffre.io la capisco ma proprio non riesco a farmi venire piu voglia è come se avessi mangiato troppo.quindi si puo immaginare anche le critiche che fa lei con dei suoi amici con cui si confida:gli dicono che ho l amante, ecc.ma no è cosi ,è una cosa che mi è gia capitata con la mia prima moglie,ad un certo punto mi sento svanire la volglia di rapporti e cosa insolita mi viene da toccarnmi da solo, magari guardando foto pornografiche.in questo caso provo molto piacere.insomma non nutro piu interesse x la persona che ho a fianco,casomai sarei aperto a nuove esperienze,cosa che non ho mai fatto tranne nell immaginazione anche perche ritengo che se dovessi avere una relazione la vorrei solo se non fossi piu con la persona che vive assieme a me . x me non è leale tradire.adesso mi trovo nella condizione che sono messo alle strette dalla mia donna che non sa piu di cosa farsene di me dice.io pero nonostante gli voglio bene e mi piace anche come donna ,anche se ho comiciato a vedere alcuni segni di decadimento fisico, ma non è questo sicuramente la causa.ho comiciato a pensare che io ,essendo sempre stato indipendente sia come lavoro che come idee ,amante anche della solitudine spesso,ho sbagliato ancora una volta rimettendomi con una persona e magari coinvolgendola in una storia che non gli andra bene,ma d altra parte lei ha coinvolto me.io una spiegazione me la sono data ma non so se è piu una scusa o se è tutto li la spiegazione:i rancori che sono nascosti dentro me x i passati con queste due donne perche sia con la prima per incomprensioni varie seguito da tradimento da parte sua sia con la seconda per conflitti riguardanti mia figlia (avuta con la prima di cui questa mia compagna non ne voleva sapere) e per gelosie varie seguito da un aborto voluto da lei dopo aver cercato il bambino e non piu voluto perche a parer suo io pensavo troppo a mia figlia hanno fatto di me un uomo stanco e stufo al punto tale di tornare a desiderare la liberta del single.non so piu adesso se provo amore o se devo provarlo anche perche non voglio piu essere innamorato . certo dopo questi brutti fatti la mia compagna ha dato prova di cambiare atteggiamenti nei confronti di mia figlia e si è resa conto di aver sbagliato molto ,adesso potrebbe essere anche una donna perfetta x un uomo ,che la faceva ragionare cosi era solo una grande gelosia ma io non riesco a dimenticare tanto facilmente che se fosse stato x lei avrei fatto cose di cui mi sarei e mi sono pentito.infine del mio racconto vorrei solo sapere se i comportamenti miei siano dovuti a una personalita particolare o se influiscono le mie vicissitudini in tutto cio. vi ringrazio di cuore x la vostra attenzione.

Caro Luciano i vissuti relazionali influiscono in modo determinante sulla libido. La spiegazione che hai ipotizzato come origine dei tuoi problemi può essere in parte valida. Entrambe le storie contengono aspetti conflittuali non risolti che possono essere la causa del tuo allontanamento sessuale. La relazione, così come la descrivi, mi sembra ad alto rischio di rottura. Al punto in cui siete arrivati l'unica via per tentare un riavvicinamento può essere una terapia di coppia con uno psicoterapeuta che oltre ad avere competenza in campo relazionale abbia dimestichezza con le problematiche sessuali.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Abuso narcisistico in famiglia…

Apocalisse, 38     Cinque anni fa ho perso mia madre di un grave e raro tumore all'intestino. La sua perdita ha generato un totale disfacimento ...

La danza, da passione a ladra …

Francesca, 29     Buongiorno,all'età di 7 anni ho iniziato a frequentare un corso di danza classica, amatoriale, da quel momento non ho mai più s...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si ...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters