Pubblicità

Sessualità e Relazioni affettive (123816)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 31 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giovanni 22

Gentile dottore, ho un problema. Sono un ragazzo normale, vivo la vita con serenità, lavoro nel locale di mio padre, studio e ho una intensa vita sociale. Sono estroverso, simpatico, intelligente e mi godo la mia demenzialità (quando posso) ridendo e facendo ridere. Il mio problema è l'avere un rapporto con una qualsivoglia ragazza. Premettendo che è difficile trovare una ragazza che mi stimoli fisicamente, ma anche a livello di persona, spesso non riesco ad affrontare situazioni di corteggiamento e di conseguente concretizzazione del desiderio di avere un rapporto con una ragazza. Malgrado il desiderio, soprattutto sessuale, sia alto, non riesco a concretizzare niente. Non sono fisicamente un modello, ma attiro le ragazze (e di questo ne sono conscio) grazie ad altre mie qualità (simpatia,intelligenza etc.). Non sono di origine italiana e sia nella mia famiglia, che nel paese d'origine, sia per motivi religiosi che morali, il fare sesso prima del matrimonio è molto malvisto. Soprattutto per motivi religiosi, considerando che la cristianità e la religiosità in generale, nella mia famiglia risulta talvolta molto opprimente. Volevo sapere se la mia incapacità di concretizzare un rapporto, affettivo e sessuale, sia la conseguenza di questo miscuglio di fattori precedentemente elencati. Grazie!

Caro Giovanni, certo che il tuo background socio-culturale e familiare è assolutamente rilevante nel determinare il tuo approccio sentimentale e fisico verso un partner che ti attira. Devi decidere cosa vuoi fare, se per te è importante restare vergine fino al matrimonio puoi certamente riuscire ad astenerti dai rapporti fino ad allora, non c'è niente di male, l'importante è che sia tu a decidere per te. Certo gli ormoni a volte sono dei cattivi suggeritori e possono portarti a fare una scelta impulsiva dalla quale non si torna indietro. Devi quindi essere consapevole di questo e di cosa significhi per te abbandonare una tradizione tanto radicata nella tua famiglia (e per questo anche in te!). Non ci sono regole e non esiste giusto e sbagliato, ma prima di prendere una decisione certo dovresti chiarirti le idee. Vedrai che se sceglierai di provare ad avere un rapporto più intimo, e non per questo completo, una volta che ti sarai deciso, prendendo la decisione in modo ponderato rispetto alle tue credenze, andrà meglio.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 20/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

News Letters

0
condivisioni