Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità infelice (13105)

on . Postato in Sessualità | Letto 8 volte

Francesca,20 anni

Buonasera... mi chiamo Francesca, ho 20 anni e da due anni sto con un ragazzo che amo moltissimo. Il nostro rapporto funzina a meraviglia, ci amiamo tanto e lui mi rende contenta regalandomi tanto affetto e comprensione.
Purtroppo, passati i primi mesi, la nostra storia per quanto riguarda la sfera sessuale ha subito una vorticosa e deprimente discesa. Dovete sapere che io con me stessa mi sento a posto, ero un po grassottella ho perso 20 kg nel giro di due anni e ora mi sento piu in armonia con il mio corpo.
Dunque vi espongo i miei (nostri) problemi.
In primis, io purtroppo soffro di paranoie per quanto riguarda le ex del mio ragazzo, nonostante siano state storie insignificanti rispetto alla nostra, quando il mio ragazzo vuole fare l' amore a casa sua io sono triste perchè penso che su quello stesso letto ha avuto rapporti con le altre (in particolare la sua prima storia, da cui e' stato veramente deluso perchè lei lo aveva tradito con altri mille uomini,era cornuto piu che un cesto di lumache! poverino). Insomma se penso che quei muri hanno visto certe scene solo pensarci mi viene da piangere. Il bello è che il mio ragazzo mi riempie di attenzioni e mi assicura tanto tanto affetto senza mai farmi dubitare che pensi ancora al passato, anzi lui si arrabbia sempre perche giustamente dice che se non ci pensa lui non dovrei nemmeno andare a cercare quelle cose.
E invece... sono masochista, vado a cercare quello che non ce e spesso sono io a nominare le sue ex e a pormi in costante competizione con la sua prima storia che prima di me era la piu importante, come dire il suo primo amore che lo ha tanto deluso.
E questo è un problema,che spesso in casa sua mi ha portato a non poter raggiungere la felicità. A volte addirittura mi veniva da piangere mentre lo stavamo facendo a pensare a tutte le cose che aveva fatto con loro. Problema aggiuntivo, circa dopo 4 mesi che ci siamo messi insieme ho avuto una candida vaginale che, tra pruriti e creme mi ha portato a fare sempre meno frequentemente l'amore e quelle poche volte sentire tanto dolore. E da li, è stato sempre peggio.

Il mio ragazzo nove volte su dieci non riesce a raggiungere l'orgasmo. Abbiamo entrambi tempi lunghi,ma mentre io non ho problemi (a parte un dolore immenso che dopo poco mi impedisce di andare avanti) lui si deprime dopo un po che non riesce a venire e non viene piu... magari anche dopo un ora di rapporto o due. Spesso non raggiunge la felicità nemmeno dopo un ora di masturbazione. Diciamo che le condizioni in cui condividiamo i nostri momenti di intimità non sono mai quelle piu idonee.. le nostre case non sono quasi mai libere, a volte quando e se possiamo farlo a casa sua io ho quelle mie famose paranoie e vivo con il terrore che possano entrare i suoi genitori da un momento all'altro. D'altro lato, il mio ragazzo, Damiano, detesta farlo in macchina perchè dice che è scomoda, oppure che fa freddo che fa caldo e però devo ammettere che non vi sono posti abbastanza appartati dove condividere un intimita' tranquilla, anche se ci "imboschiamo" a volte passano un infinità di auto e non si
riesce mai a stare tranquilli.
Per aiutarVi a capire meglio posso anche dirvi, però , che ci sono state quattro o cinque notti in cui io e Damiano per fortuna abbiamo avuto l'occasione di dormire a casa sua quando i suoi genitori erano fuori casa, perciò eravamo piuttosto tranquilli e sereni e in quelle occasioni a parte problemi fisici legati alla mia candida (dolore intendo) non si sono verificate altre turbe psicologiche particolari, e già questa è una magra consolazione.
Devo ammettere che, mentre io sono una ragazza che vorrei fare l'amore praticamente tutte le sere (e penso che alla mia età sia normale!), Damiano, pur avendo soli 23 anni, è come se si fosse chiuso in se stesso, non ha piu ovviamente lo stimolo a farlo perche sa che ormai ogni volta finisce in tristezza e paranoie e preferisce evitare di farlo, giungendo cosi alla triste soluzione di avere meno rapporti possibile per essere come dire... piu sereni. Io mi sento tanto triste e insoddisfatta, perche al di la del mio problema fisico, e cioè la candida che essendo stata curata è anche guarita, io abbia un piu grosso problema di tipo psicologico.
Ormai non riesco piu ad avere un rapporto senza dolore forte, non ho piu lubrificazione vaginale dopo un certo periodo di tempo, e cosa ancor piu grave mi sento poco desiderata, perche sento che invece di essere felici io e il mio ragazzo ogni volta siamo ancora piu tristi di prima perche siamo pieni di problemi sessuali.
Io mi chiedo se tutto questo è destinato a durare e soprattutto se porterà alla fine della nostra storia, che per noi è davvero importante. Io vorrei fare qualcosa per aiutarlo ma mi sento impotente.. ho tentato di tutto creme profumate compeltini piu sexi situazioni piu eccitanti ma credo che quello che a noi manchi davvero sia una tranquillità che è completamente assente.Non possiamo mai farlo in posti tranquilli, c'è sempre la paura di qualcuno che arriva, un telefono che squilla...

In compenso, io sono davvero preoccupata. Non riesco piu a sentirmi sessualmente felice. E al pensiero che con la sua prima storia damiano non avesse di questi problemi, che era piu sereno e magari lo faceva anche piu spesso,mi rende ancora piu triste perche mi fa sentire come dire,,, meno importante.
A questo punto vi chiedo : cosa posso fare per aitarlo?
Riusciremo a risolvere i nostri problemi? Io voglioessere serena . Come lo eravamo nei primi mesi che ci siamo conosciuti, eravamo cosi felici... V i prego aiutatemi!!!Grazie in anticipo

Cara Francesca lascia fuori da i tuoi problemi il tuo ragazzo e se puoi l'aiuto cercalo per te. Dalla lettera mi sono fatta l'idea che sei una ragazza con molti problemi irrisolti e con tanta confusione in testa. Parlando del tuo ragazzo lo attacchi per tutto: per come fa l'amore, quando lo fa; per dove lo fa, perché dove lo fa non è il posto giusto per te; per il suo carattere, è vecchio, triste e noioso. Ti sei costruita delle aspettative su questo ragazzo pensando di poterlo manovrare a tuo piacimento con il risultato che adesso quello che hai non è quello che avresti voluto. Affannarti a cercare le cose che vuoi da una persona che non può dartele è una perdita di energie inutile e con il tuo comportamento rischi di devastare lui.Auguri

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

News Letters