Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità maschile (131243)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 14 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nana 29

Carissimi esperti, sono una giovane donne felicemente convivente da 2 anni a attualmente al 6° mese di gravidanza di un bimbo desiderato da entrambi. Vi scrivo poiché, da sin da qualche mese prima della gravidanza, il mio compagno ha cominciato a voler fare l'amore sempre meno spesso. Era un periodo molto stressante sul lavoro (sia suo che mio) per cui non ce ne siamo preoccupati più di tanto, aspettando tempi migliori. I tempi migliori sono arrivati, infatti aspetto un bimbo, ma ora, nuovamente ed in modo importante non abbiamo più rapporti sessuali. Ne abbiamo parlato e lui ha imputato molto alla gravidanza, dicendo che il suo istinto lo porta ad essere così protettivo da non riuscire a pensare all'atto sessuale soprattutto da quando il bimbo ha cominciato a farsi sentire con calci e capriole. Ora io capisco il suo "essere incinto" e lo rispetto, ma in realtà temo che ci sia dell'altro....La prima volta che c'è stato un "calo del desiderio" è avvenuto in corrispondenza di un mio grande successo lavorativo con avanzamento di carriera notevole, lui, invece, ha un lavoro insoddisfacente e poco remunerato. Da quando aspettiamo il piccolino una volta mi ha confidato una sua paura di "essere un buono a nulla" (mi fa male il solo pensiero) e temo che la sua distanza fisica sia data da un senso di "inadeguatezza" più generale. Vorrei capire solo che succede e come rassicurarlo, se è questo ciò di cui ha bisogno. Spero di essere stata sufficientemente chiara, un ringraziamento di cuore.

Cara Nana, la gravidanza al sesto mese può provocare il calo di desiderio non tanto per l'attrazione quanto per il pensiero descritto di provocare fastidi al nascituro. Il lavoro stressante e il rapporto poco soddisfacente in relazione ai successi anch'esso può provocare il calo dei desiderio sessule poichè non si sente realizzato come uomo e ne come capo famiglia. Consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta per rafforzare il suo stato emotivo e psicologico a livello individuale. Dopo qualche mese dalla nascita del figlio se la situazione sessuale dovesse perdurare in coppia consultate un sessuologo. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli )

Pubblicato in data 27/02/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessulogia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di non trovare mai il…

Kikhi, 26     Salve... ho paura di non trovare mai il mio posto. ...

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

News Letters

0
condivisioni