Pubblicità

Sessualità travestitismo (004483)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 21 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessio, 35anni

Fin da bambino ho scoperto di provare piacere indossando abiti femminili, e con l'adolescenza idem. Col passare del tempo ho preso sempre più coscienza del fatto, pur conducendo senza problemi intimi una vita etero. Ora dopo separazione e convivenza nuova mi ritrovo con una donna che amo, ma con il problema di prima al limite della sopportazione, che mi crea un problema non indifferente, vista anche la componente bisex che è in me.
Ho due personalità e a volte una prevale sull'altra alternandosi. Lei ne è al corrente, mi ama e non ce la fa più a sopportare questa cosa. Io non riesco più a reprimere ciò che sono. Penso a una vita da single ora, dove posso essere me stesso/a quando voglio nell'intimità, ma da una parte l'unica donna che mi ama mi mancherebbe e so che non ne troverei un'altra come lei.
Nella vita sono un uomo insospettabile, che comunque vive "normalmente". Vorrei solo sentirmi libero, potermi accettare. Quello che sono mi va bene e mi da piacere, lei non può però accettarmi così, ma mi accetta se smetto di farlo per sempre.
Farei bene a sopprimermi? Dopo due mesi sto già male. O dovrei cercare di essere come sono, accettarmi del tutto? Perchè dovrei sbarazzarmi ammesso che si possam, di una cosa che mi da piacere? Anche lei mi da piacere, ma me ne toglie un altro.
Sono disperato.... Grazie.

Caro Alessio, il provare eccitazione sessuale indossando abiti femminili è tecnicamente definito "feticismo da travestimento". Ma, perchè una parafilia possa essere diagnosticata come tale, è necessario che sia l'unico modo che una persona ha per raggiungere il piacere sessuale. Per spiegarmi meglio, un uomo affetto da vero feticismo da travestimento non raggiunge l'erezione se non indossando abiti femminili, e non mi sembra che questo sia il suo caso. Bisognerebbe vedere però qual'è l'identità con cui si sente maggiormente a suo agio, se sia femminile o maschile, per capire se lei abbia problemi rispetto all'identità di genere. Sinceramente non credo che lei abbia due personalità, mi sembra piuttosto che lei abbia due modi di approcciarsi alla sessualità, uno eterosessuale, e uno omosessuale con una componente femminile.
Mi rendo conto che, per la persona che lei ha affianco possa essere molto difficile accettare il fatto che lei conduca una vita sessuale del tutto diversa al di fuori del rapporto, ma so anche che reprimersi è impossibile, oltre che profondamente negativo. Reprimendosi lei chiuderebbe fuori dalla porta una parte di sé, che troverebbe altri modi di esprimersi. Accettarsi è la prima cosa che deve fare, ma se accettarsi implica perdere una persona che lei ama, bisogna cercare un'altra strada. Potrebbe proporre alla sua compagna di accompagnarla da uno psicoterapeuta o da un sessuologo; si tratterebbe di esplorare i vissuti di entrambi, di capire come poter mediare tra i suoi desideri e il benessere della coppia. Credo sarebbe una cosa molto importante per voi due, lei potrebbe tranquillamente esplorare i suoi pensieri, renderne partecipe la sua compagna, e la sua compagna si sentirebbe direttamente coinvolta in un processo importante per entrambi. Le faccio moltissimi auguri.

( risponde la dott.ssa Serena Leone )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

News Letters

0
condivisioni