Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità: vaginafobia? (157064)

on . Postato in Sessualità | Letto 15 volte


Marco, 21

 

Gentile Dottore,
vorrei illustrarle il mio problema.
Da quando sono adolescente, ho sempre provato grande attrazione per le donne, ogni parte di esse, ma lo stesso non posso dire del loro organo genitale.
Quando lo vedo, che sia in un video o nella realtà, sento una grandissima sensazione di disagio specialmente le pareti più interne. Pensavo fosse normale o che l'avrei superata dopo una certa età ma comincio a pensare che non sia così.
Ora, leggendo qua e là sembra che tutto ciò sia spiegabile con una omosessualità latente ma non credo proprio sia questo il caso, dato che semplicemente gli uomini non mi hanno mai attratto sessualmente, anzi quando vedo un uomo nudo provo un certo disgusto.
Ora è possibile che il mio disagio abbia radice psicologica??? Da quando sono piccolo soffro di grande ansia sociale, l'idea di andare a letto con una donna mi ha sempre terrorizzato e sono sempre stato ansioso riguardo le mie capacità sessuali (che la cosa fosse fondata o meno), forse anche a causa del fatto che quando avevo 12 anni ho frequentato molte persone volgari che hanno urtato molto la mia sensibilità riguardo al sesso e me l'hanno fatto dipingere come un incubo. Ho sempre insomma avuto una certa paura delle donne.
Che sia collegato in qualche modo a questo??
Come potrei risolvere il problema???? Io stavo pensando che potrebbe aiutarmi stare con una ragazza molto dolce con cui mi possa sentire a mio agio... è così?
Grazie in anticipo

Caro Marco,
dal racconto si evince che manchi di un educazione sia sessuale sia fisiologica poichè esterni dei dubbi che non cerchi di affrontare.
Credo che le difficoltà nell'osservare i genitali femminili sia dovuto a qualche problematica psicologica che richiede un approfondimento analitico.
L'omosessualità è latente in tutti noi questo però non significa essere omosessuale che è un orientamento sessuale, forse devi approfondire ciò che sono i tuoi pensieri in rapporto sia all'eterosessualità sia all'omosessualità.
Consiglio di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico per far emergere le tue difficoltà e in seguito trovare la persona che può vivere con te una relazione di coppia.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 21/12/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters