Pubblicità

Sessualità(015716)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 44 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberta, 20 anni

Da piccola ho subito degli abusi da parte di mio fratello di 6 anni più grande di me. All'età di 16 anni mi sono innamorata a scuola della mia prof. di matematica è da lì è iniziata la mia turbolenta vita. Ora da un anno circa di siamo lasciate. Non so se il mio legarmi ad una donna sia in qualche modo collegato con gli abusi.Vorrei tanto poterne parlare con mia madre degli abusi ma non so se è la cosa giusta da fare.Lei è a conoscenze della mia storia con la prof. non l'ha mai approvata ma mi ha lasciata fare a tal punto da farmi andare a vivere da sola a 16 anni. Questo a comportato un'inevitabile senso di responsabilità precoce.Vorrei sapere se è giusto parlare con mia madre ciò che ho subìto.Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione.

Cara Roberta avrei avuto bisogno di maggiori informazioni, sarebbe stato importante poter collocare in quale periodo sono avvenuti i fatti. La differenza di anni tra di voi depone a sfavore di tuo fratello ma una cosa è parlare di rapporti tra un bambino di massimo 12 anni con una bambina di sei un altra è parlare di un adolescente o preadolescente con una bambina di sei anni più piccola. Nel primo caso possiamo parlare di giochi sessuati, pratica molto frequente tra i bambini, nel secondo di abuso vero e proprio. Trovo necessario portarti a conoscenza di questa consuetudine per farti valutare meglio l'accaduto e dargli la giusta collocazione. In genere i giochi sessuati tra bambini dello stesso sesso o di sesso diverso, compresi fratelli, non causano problemi nella sessualità adulta degli individui. L'abuso può influire sull'identità sessuale dell'individuo quando ci sono delle cause predisponenti.La necessità di parlare di quanto hai subito o, se c'è un margine di possibilità, pensi di aver subito puoi soddisfarla consultando uno psico-sessuologo che può aiutarti anche a capire meglio la tua vera identità sessuale, ad indagare i legami familiari e i motivi che ti spingono ad informare tua madre di una cosa a cui non può porre rimedio e che la farebbe sentire sicuramente una madre inadeguata procurandole tanta sofferenza.

 

( risponde la dott.ssa Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

News Letters

0
condivisioni