Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualita' (0000)

on . Postato in Sessualità | Letto 6 volte

Simone 25

Da circa 2 anni e mezzo ho confessato ad i miei genitori di essere omosessuale. Sono sempre stato consapevole della mia sessualita', sin da quando ero piccolo, ma essendo cresciuto in un piccolo paese ed in una famiglia cattolica sono sempre stato consapevole che la mia "realta'" non sarebbe stata accettata facilmente dalle persone a me vicine. Questo, credo abbia influenzato enormemente la mia autostima, ed il modo in cui mi sono sempre rapportato con altre persone. Non ho mai mostrato o dichiarato apertamente la mia personalita' e questo mi ha sempre lasciato chiuso in me stesso a pensare che forse quello che ero o che pensavo era sbagliato. Da quando ho parlato apertamente con la mia famiglia riguardo la mia sessualita', la mia situazione e' decisamente cambiata. La mia famiglia non ha ancora accettato la mia situazione, sono consapevole del fatto che hanno bisogno di tempo per accettare una realta' cosi diversa da quella alla quale sono abituati ma l'argomento "omosessualita" e' ancora un tabu' per loro e quello che posso vedere ogni volta che parlo con loro e' che purtoppo si vergonano per quello che sono, pensando soltanto a cosa il resto della mia famiglia e le altre persone possano pensare di loro come genitori sapendo che io sono gay. Vivo in ul atro Stato al momento e sto cercando con tutte le mie forze di vivere la mia vita senza pensare troppo ad i pregiudizi della gente. Mi sto sforzando enormemente ma credo che tutti gli anni vissuti a nascondermi nella mia realta' abbiano influenzato troppo la mia personalita'. Non riesco ad aver fiducia nelle persone che stanno cercando di aiutarmi perche' in passato non ho mai trovato il coraggio di aprirmi e parlare dei miei problemi. Non riesco ad accettare l'idea che qualcuno possa amarmi senza mentire allo stesso tempo. Sono in una relazione al momento con una persona fantastica che mi ama (ed io mi sento amato) ma allo stesso tempo non posso fare a meno di pensare che prima o poi qualcosa andra' storto. Mi trovo adesso ad essere sempre sospettoso con questa persona, come se fossi aspettando una sua mossa sbagliata che possa farmi soffrire. Non riesco a concentrari sulle belle cose provate insieme, l'unica cosa a cui rieso a pensare e' come, ipoteticamente, lui possa fammi soffrire. Ho bisogno di credere in qualcuno. Questa situazione oltre a rattristarmi enormemente e' anche dolorosa a livello fisico. Sono molto infelice e quello che vorrei e' soltanto un po' di serenita'. Ho paura di soffrire dinuovo, una sofferenza che purtoppo mi ha accompagnato per molti anni e che non penso mi abbia mai abbandonato. La ringrazio anticipatamente.

L'omosessualità è un problema sociale, che nel nostro amato paese si cerca con enorme difficoltà di risolverlo, ma con tanta fatica anche perchè tuttora esistono persone, anche nel nostro parlamento che soffrono di omofobia. Le famiglie che non accettano fra i loro congiunti chi si dichiara omosessuale hanno grosse carenze intellettive poichè essere omosessuale non vuol dire essere malato, ed inutili sono le crociate sollevate per nascondere una realtà che non si può negare. Penso che se vuoi viverla serenamente la tua vita devi aumentare l'autostima, anche con l'aiuto di uno psicoterapeuta. Purtroppo la famiglia è lenta ad accettare la tua reale convinzione di identita di genere, prima o poi dovra pure accettare, in special modo se si dichiarano cattolici praticanti.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

News Letters