Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (117913)

on . Postato in Sessualità | Letto 7 volte

Anonima,23 anni

Salve, sono una ragazza di 23 anni, vi scrivo perchè sto facendo ancora una volta i conti con il mio passato che è alquanto difficile. Nasco da due genitori adolescenti i quali mi hanno fatta crescere dai miei nonni, mi hanno sempre fatto pesare la mia venuta al mondo e considerata la causa del loro fallimento personale, soprattutto mia madre che mi ha spinto ad andarmene di casa a 18 anni. Me le sono sempre cavata da sola ed adesso posso ritenermi soddisfatta della mia attuale condizione lavorativa e familiare. Convivo da quasi due anni con un uomo di dieci anni piu' grande di me col quale ho uno splendido rapporto.
Abbiamo cercato una gravidanza ma purtroppo ad ottobre 2005 ho avuto un'aborto spontaneo e questo ha tirato fuori alcuni scheletri che ho nell'armadio. Quando avevo diciassette anni e poi diciotto e diciannove ho subito tre interruzioni volontarie di gravidanza.
Tutte e tre le gravidanze erano del mio fidanzatino di allora..
Ho reagito subito e mi sono fatta forza sempre da sola ripetendomi che non avrei potuto portarle avanti in quanto troppo piccola ed in condizioni familiari disastrose. Non pretendo di non avere conseguenze dopo queste esperienze.
Sto attraversando un periodo molto difficile, dovuto al mio aborto spontaneo; adesso che un figlio lo avrei voluto è andata male e ancora una volta ne pago le dure conseguenze, senso di fallimento, di inadeguatezza..quando vedo una donna col pancione mi sento morire e mi chiedo il perchè io non ci sono riuscita.
Questa cosa mi dà ansia e cerco di rimanere di nuovo incinta ma senza successo...
Cerco di distrarmi, di pensare ad altro e di circondarmi di persone a cui voglio bene ma il desiderio di essere madre è molto forte e va di pari passo col senso di fallimento.
Potete darmi un consiglio? a cosa è dovuto questo malessere nel vedere donne incinte?

Gentile anonima,
vista la sua giovane età e a meno che non ci siano problemi organici di sicuro non avrà problemi a restare incinta ed è probabile che in questo momento il suo stato emotivo non le permette di restare incinta, ma se sente questo bisogno e questo malessere perchè non cercare di capire qualcosa? Potrebbe comunque sentire la sua ginecologa per valutare il discorso dal punto di vista fisico e successivamente valutare anche tutti gli aspetti psicologici della cosa, in modo da fare un minimo di chiarezza anche sul suo passato e cercare di vivere la realtà in modo più sereno .In bocca al lupo

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters