Pubblicità

Sessualità (117913)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 28 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonima,23 anni

Salve, sono una ragazza di 23 anni, vi scrivo perchè sto facendo ancora una volta i conti con il mio passato che è alquanto difficile. Nasco da due genitori adolescenti i quali mi hanno fatta crescere dai miei nonni, mi hanno sempre fatto pesare la mia venuta al mondo e considerata la causa del loro fallimento personale, soprattutto mia madre che mi ha spinto ad andarmene di casa a 18 anni. Me le sono sempre cavata da sola ed adesso posso ritenermi soddisfatta della mia attuale condizione lavorativa e familiare. Convivo da quasi due anni con un uomo di dieci anni piu' grande di me col quale ho uno splendido rapporto.
Abbiamo cercato una gravidanza ma purtroppo ad ottobre 2005 ho avuto un'aborto spontaneo e questo ha tirato fuori alcuni scheletri che ho nell'armadio. Quando avevo diciassette anni e poi diciotto e diciannove ho subito tre interruzioni volontarie di gravidanza.
Tutte e tre le gravidanze erano del mio fidanzatino di allora..
Ho reagito subito e mi sono fatta forza sempre da sola ripetendomi che non avrei potuto portarle avanti in quanto troppo piccola ed in condizioni familiari disastrose. Non pretendo di non avere conseguenze dopo queste esperienze.
Sto attraversando un periodo molto difficile, dovuto al mio aborto spontaneo; adesso che un figlio lo avrei voluto è andata male e ancora una volta ne pago le dure conseguenze, senso di fallimento, di inadeguatezza..quando vedo una donna col pancione mi sento morire e mi chiedo il perchè io non ci sono riuscita.
Questa cosa mi dà ansia e cerco di rimanere di nuovo incinta ma senza successo...
Cerco di distrarmi, di pensare ad altro e di circondarmi di persone a cui voglio bene ma il desiderio di essere madre è molto forte e va di pari passo col senso di fallimento.
Potete darmi un consiglio? a cosa è dovuto questo malessere nel vedere donne incinte?

Gentile anonima,
vista la sua giovane età e a meno che non ci siano problemi organici di sicuro non avrà problemi a restare incinta ed è probabile che in questo momento il suo stato emotivo non le permette di restare incinta, ma se sente questo bisogno e questo malessere perchè non cercare di capire qualcosa? Potrebbe comunque sentire la sua ginecologa per valutare il discorso dal punto di vista fisico e successivamente valutare anche tutti gli aspetti psicologici della cosa, in modo da fare un minimo di chiarezza anche sul suo passato e cercare di vivere la realtà in modo più sereno .In bocca al lupo

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni