Pubblicità

Sessualità (2006-10-30)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 37 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Emy 26

Salve, sto con il mio ragazzo da due anni e siamo innamorati l'uno dell'altra, ma il problema è la frequenza dei rapporti sessuali. Per motivi di lavoro (di lui) ci possiamo vedere solo il week-end e considerando che stiamo sempre insieme ai suoi amici (ora diventati anche i miei) abbiamo pochissimo tempo per stare da soli. In pratica facciamo l'amore 3/4 volte al mese!!! E' una situazione che esiste da sempre, ma all'inizio lo giustificavo perchè lui non ha mai avuto un storia seria, solo avventure, e quindi magari non sapeva come comportarsi con una ragazza a cui tenesse veramente. Il fatto è che, mentre a me piacerebbe passare un pò più di tempo a scambiarci le nostre effusioni (per es. la domenica,cosa che non facciamo MAI), per lui va bene così. Non metto in dubbio il suo amore per me, ma mi chiedo se non manchi attrazione da parte sua. Naturalmente lui nega tutto, ma io non riesco a spiegarmi questa cosa, considerando il fatto che il desiderio sessuale dovrebbe essere una cosa naturale in una coppia (almeno lo è per me) in questo modo fa aumentare anche le mia insicurezza perchè non mi sento attraente per lui. Non dico che ci sono problemi fisici, perchè i rapporti sono sempre appaganti per tutti e due, però mi chiedo se è così adesso, quando avremo una famiglia, figli, lavoro e problemi seri, che faremo?? astinenza a vita??è difficile spiegare tutta la situazione qui, anche perchè c'è tutta una situazione dietro, ma spero che possiate aiutarmi. Grazie

Gentile Emy, l’impressione che ho avuto dalla storia che mi ha raccontato è che in qualche modo il suo ragazzo sfugga l’intimità con lei. Il fatto che passiate quasi tutto il tempo insieme ai suoi (vostri) amici, e soprattutto il fatto che lui in qualche modo eluda il problema, rassicurandola sul suo desiderio nei suoi confronti. Il desiderio sessuale è una cosa che differenzia moltissimo le persone; ci sono persone che hanno bisogno di fare l’amore quasi tutti giorni, e persone che sono pienamente appagate anche con tre o quattro rapporti al mese. È anche possibile che il suo ragazzo faccia parte di questo secondo gruppo. Ma dato che questa è una cosa che giustamente la fa soffrire, credo che sia compito suo capire realmente il motivo di questa situazione. Può darsi che lui abbia molti pensieri e non riesca a concedersi la serenità necessaria per avere un rapporto sessuale, o che, come ho scritto sopra, sfugga l’intimità con lei. La risposta la sa solo lui, probabilmente. Credo che la cosa migliore che possa fare sia parlarci, cercare di capire davvero qual è la motivazione di questa situazione, esigere addirittura la massima sincerità possibile. Nel caso questo non funzioni, potreste sempre pensare ad un percorso terapeutico breve in coppia, ma se riuscite ad instaurare un dialogo franco e onesto, potrebbe non essercene bisogno. Molti auguri .

(risponde la dott.ssa Serena Leone )

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters

0
condivisioni