Pubblicità

sessualita' (47213)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 239 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Orsetto,20anni (12.1.2002)

Ho un problema e non so a chi rivolgermi.La mia famiglia è in normali condizioni economiche, mai nessun problema sotto questo punto di vista, anche se non sopporto più di stare in famiglia, e odio la maggior parte dei miei parenti. Sto per essere assunto da un'azienda e fin'ora sono stato studente. Non sono fidanzato ma da 1 anno e mezzo ho una felice vita sessuale con una mia carissima amica.
Dalla puberta' mi prendono degli "attacchi" di irrazionalita', e mi penetro regolarmente con degli oggetti. Nell'ultimo periodo questa situazione è andata peggiorando, è a tutti gli effetti un modo per masturbarmi (mi masturbo anche senza fare ciò, non lo faccio sempre). Sono sicuro di non essere omosessuale (non ho mai avuto rapporti con uomini, ama solo ed unicamente con la mia migliore amica) in quanto mi piace l'altro sesso e basta (anche se non ho niente contro le persone omosessuali). Questa cosa me la tengo dentro da sempre, non l'ho mai detto a nessuno, neanche alla mia migliore amica, e per questo mi sento anche in colpa, in quanto tra di noi c'è il massimo della sincerità e ci siamo sempre detti tutto. Questa cosa non ha mai avuto ripercussioni sulla mia vita sessuale, tranne nell'ultimo periodo: la mia amica è andata fuori per studio, ed io o preso a masturbarmi in quel modo molto più spesso. Al suo ritorno sono riuscito ad avere raporti felici con lei, come sempre, ma in alcuni di essi avevo un senso strano, di quasi-paura e di disagio. Lei mi piace sempre e mi attira sempre come prima. Vorrei parlarne un giorno con lei, ma ora non me la sento. Anche nei giorni in cui lo facevo con lei, mi masturbavo inquel modo. Quando lo faccio, prima di farlo sono tutto preso, non riesco ad essere razionale e a pensare che dopo mi fa male, dopo averlo fatto (dal momento dell'orgasmo in poi) mi sento male, vorrei non averlo mai fatto e mi riprometto, inutilmente, di non rifarlo.
Normalmente mi masturbo in media 6 volte a settimana, e a volte uso quei modi. Cerco sempre di pensare ad altro, di farmi passare la voglia, ma la maggior parte delle volte non ci riesco.E' normale quello che faccio? Sono normale? Non sono cattolico, sono ateo, e non è contro la mia morale, ma dopo averlo fatto sto male con me stesso, ho paura ad avere rapporti (parlare, ecc.) con altre persone, fino a che non mi passa. Mi sono sforzato di smetterla, ma non ci riesco da solo né trovo una spiegazione.
Mi sono rivolto ad un altro sito ma senza risposta.Vi prego aiutatemi non so a chi rivolgermi.

Mio caro il problema non è rappresentato dall'azione che compi ma dal malessere che questa ti comporta e dal fatto che la situazione sembra sfuggirti di mano.
La sessualità di ogni individuo è libera di esprimersi nei modi più impensabili ed originali purché non in contrasto con il benessere del soggetto o con la libertà psicologica e fisica di altri che ne potrebbero essere danneggiati (vedi pedofilia, sadismo, ecc.), si tende a non dare definizioni di cosa è giusto e cosa è sbagliato se, come ripeto, sono rispettate le liberta individuali.Il problema nasce quando, come nel tuo caso, il soggetto diventa vittima delle proprie compulsioni e il piacere che ne può trarre è inferiore al malessere che gliene deriva. Anche la frequenza è un indicatore importante, sceglierlo di farlo è diverso dal farlo perché incalzati da un impulso sempre più frequente e pressante che non lascia possibilità di scelta.
Mi sembra che nel tuo caso queste due condizioni fondamentali stanno venendo meno, per questo motivo e in virtù del fatto che tra poco potrai disporre di soldi tuoi ti consiglio di contattare uno psicologo. Sei molto giovane e cercare di trovare una spiegazione a quanto ti succede mi sembra il suggerimento più adeguato.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

News Letters

0
condivisioni