Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualita-alimentazione (202)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Martina 20

Salve, sono una ragazza di 20 anni. Da bambina (5-6 anni) ho subito abusi da parte di uno zio (non sono stata violentata, ma solo toccata in maniera eccessiva). Per gran parte della mia vita ho rimosso questo pensiero che è riaffiorato verso l'eta dei 17 anni quando ho cominciato a sentirmi inadeguata nei confronti dei ragazzi ed estremamente timida e timorosa del giudizio degli altri. A quella stessa eta ho cominciato ad essere ossessionata pure dal cibo (ho cominciato ad abbuffarmi), è diventato un modo per colmare il dolore lasciato dalla violenza subita e dal blocco nei confronti dell'altro sesso. Le mie abbuffate ricorrono a periodi...a seconda del mio umore e non mi autoinduco vomito, ma ho solo una sensazione di pienezza da un lato e dall'altro colpevolezza. Premetto che non sono in sovrappeso, ho un BMI di 22-23% però ultimamente queste abbuffate sono ricorrenti e ho paura che la cosa stia peggiorando, perche non ho un ragazzo, sono ancora vergine e questo problema di relazionarmi inizia a pesare. Non so se le 3 cose siano correlate (violenza, alimentazione, sessualita) e vorrei sapere cosa mi consigliate di fare. Vi prego rispondetemi. Grazie

Cara Martina, sicuramente le cose sono collegate, come tu anche srivi. Si rifanno tutte all'inadeguatezza, al senso di colpa, al volersi punire. Purtroppo le violenze non si cancellano, non si dimenticano, i dolori sono sostituiti da altri dolori che ci autoinfliggiamo perchè ci non ci si sente degne. L'unico modo per dare voce alla sofferenza, per far si che questa non ti devasti e prenda forme ogni volta diverse, è rivolgersi ad uno psicologo. Parlando, aprendo la tua sofferenza, dandole un nome ed un volto riuscirai a poter andare avanti. Solo facendo i conti con questa orribile vicenda che ti è capitata puoi imparare a vivere senza sentirne quotidianamente il peso. Non ci sono altri modi, il lasciare che qualcuno ti ascolti e ti aiuti è la maniera per andare avanti. Non lasciare che passi altro tempo. In bocca al lupo

(risponde la dott.ssa Anna Maria Casale)

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters