Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

sessualità (43031)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 190 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Francesco, 25anni (9.9.2001)

Il mio problema è la masturbazione. Per me è come una droga. Il fatto grave è che ho un'educazione cristiana e ciò mi procura seri problemi di coscienza. Tra l'altro soffro di varicocele, malattia per la quale sono già stato operato una volta. E' come se avessi 2 personalità che combattono nel mio cervello. Ma l'istinto sessuale ha sempre la meglio: quando sono su internet finisco spesso a ricercare immaggini di donne nude sempre più spinte fino a quando non raggiungo l'orgasmo! Credo che alla base di questo ci sia il mio continuo insuccesso con le ragazze. Alla mia età non sono mai stato fidanzato con nessuna nè tantomeno ho mai fatto l'amore. Sono sempre stato un tipo solitario con pochi amici durante l'adolescenza, e anche se da quando vado all'università sono riuscito a sbloccarmi nei rapporti con gli altri, ho sempre paura di essere respinto dalle ragazze. E anzi ho paura di subire in altro insuccesso! Ho bisogno di un consiglio! Aiutatemi!

Caro Francesco, come tu stesso evidenzi nella lettera, il problema di cui parli, non è solo relativo alla sfera sessuale, ma la sua origine va ricercata in una sfera più ampio, relativa alle relazioni e al proprio senso di autostuima. Evidentemente c'è nella sua personalità, come la sensazione di non essere tanto capace di sostenere la relazione con l'altro,(dove per altro non si intende solo il partner, ma anche amici, diciamo la socialità, in senso lato).
Emerge in qualche modo come un senso di paura della competizione, e ciò lo si evince dal fatto che lei non ha mai cercato di realizzare un incontro con una compagna, ma ha preferito competer con se stesso, con l'attività masturbatoria, che può essere una pratica che ha i suoi aspetti positivi, permette di con oscere il proprio corpo, le proprie reazioni, ma l'ebento problmetaico si innesca nel momento in cui quiesta opratica tende a sostituire o meglio ad evitare che il confronto avvenga con l'altro.
Penso sia utile nel tuo caso richiedere un soistegno psicologico, magari presso il conbsultorio, ed affrontare con un esperto tali problematiche.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni