Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

sessualità (43031)

on . Postato in Sessualità | Letto 155 volte

Francesco, 25anni (9.9.2001)

Il mio problema è la masturbazione. Per me è come una droga. Il fatto grave è che ho un'educazione cristiana e ciò mi procura seri problemi di coscienza. Tra l'altro soffro di varicocele, malattia per la quale sono già stato operato una volta. E' come se avessi 2 personalità che combattono nel mio cervello. Ma l'istinto sessuale ha sempre la meglio: quando sono su internet finisco spesso a ricercare immaggini di donne nude sempre più spinte fino a quando non raggiungo l'orgasmo! Credo che alla base di questo ci sia il mio continuo insuccesso con le ragazze. Alla mia età non sono mai stato fidanzato con nessuna nè tantomeno ho mai fatto l'amore. Sono sempre stato un tipo solitario con pochi amici durante l'adolescenza, e anche se da quando vado all'università sono riuscito a sbloccarmi nei rapporti con gli altri, ho sempre paura di essere respinto dalle ragazze. E anzi ho paura di subire in altro insuccesso! Ho bisogno di un consiglio! Aiutatemi!

Caro Francesco, come tu stesso evidenzi nella lettera, il problema di cui parli, non è solo relativo alla sfera sessuale, ma la sua origine va ricercata in una sfera più ampio, relativa alle relazioni e al proprio senso di autostuima. Evidentemente c'è nella sua personalità, come la sensazione di non essere tanto capace di sostenere la relazione con l'altro,(dove per altro non si intende solo il partner, ma anche amici, diciamo la socialità, in senso lato).
Emerge in qualche modo come un senso di paura della competizione, e ciò lo si evince dal fatto che lei non ha mai cercato di realizzare un incontro con una compagna, ma ha preferito competer con se stesso, con l'attività masturbatoria, che può essere una pratica che ha i suoi aspetti positivi, permette di con oscere il proprio corpo, le proprie reazioni, ma l'ebento problmetaico si innesca nel momento in cui quiesta opratica tende a sostituire o meglio ad evitare che il confronto avvenga con l'altro.
Penso sia utile nel tuo caso richiedere un soistegno psicologico, magari presso il conbsultorio, ed affrontare con un esperto tali problematiche.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni ...

News Letters