Pubblicità

sessualità (43165)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 226 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lisa N., 20anni (12.9.2001)

Salve!

Sono una ragazza di 20 anni con dei grossi problemi. I genitori sono sempre stati troppo severi, non mi hanno mai, o raramente fatto dei complimenti: solo delle critiche. Da qui nasce la mia sfiducia in me stessa e tutte le mie paure. A 17 anni ho cominciato ad aver disturbi di ansia e attacchi di panico per più di un anno. Poi sono passati.

Da 7 soffro di una grossa paura: rimanere incinta. Ho un ragazzo da un anno ma non ho rapporti sessuali veri e propri con lui. Ho paura se vedo qualche cosa ingiro che potrebbe essere sperma e che tocco, o se sul gabinetto c'è qualche cosa di liquido che non avevo notato subito...so che in questi modi una gravidanza è impossibile ma ho paura. Come ho paura dell'AIDS. Una goccia di sangue, qualcuno che mi stinge la mano ed ha una piccola ferita... La mia vita è un susseguirsi di paure di questo genere.
Il mio ragazzo vorrebbe avere rapporti completi ma il mio terrore, malgrado prenda la pillola(contro gravidanza) e usassi il preservativo (contro AIDS) è troppo grande. Non voglio perderlo, come non voglio perdere il mio rapporto con l'uomo. So che comunque avere un ragazzo a 20, a 25 anni senza rapporti sessuali è impossibile...e poi non risolverei i miei problemi. Voglio vincere queste paure, pian piano va sempre meglio, vado anche da una psicolaga. Che cosa mi consigliate? Non voglio medicamenti ho già preso lo Xanax per l'ansia ma mi ha fatto soltanto del male...cosa posso fare? Grazie di vero cuore!!!!

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

Cara Lisa le tue non sono paure ma fobie. Esiste una fobia per lo sperma, ciò provoca ansia acuta e ad attacchi di panico. Questo disturbo può essere causato dalle inibizioni e dai sensi di colpa derivanti dalle proibizioni sessuali infantili tipiche della nostra cultura; o dalla paura inconscia di una relazione intima.

Il mio consiglio è di continuare la psicoterapia con la tua psicologa.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters

0
condivisioni