Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità/problemi della coppia (14303)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 20 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mara, 28 anni

Ho 28 anni e da ormai più di due anni ho una relazione con un mio collega sposato che ha nove anni più di me.
Con il tempo siamo riusciti a creare un buon feeling e a instaurare un ottimo rapporto sia a livello fisico e sessuale, che di stima e rispetto reciproco. Lui vuole bene a sua moglie, nonostante la situazione, e gli è davvero affezionato, ma già da qualche mese ha difficoltà ad avere rapporti sessuali con lei.
Lui cerca di rassicurarmi e tranquillizzarmi dicendomi che le sue defaillances non dipendono da me, anche se mi dice che con me prova emozioni che non ha mai provato prima. Temo però che lo dica solo per non farmi pesare la situazione. Ho paura che sua moglie capisca che i motivi del suo attuale distacco siano riconducibili a una relazione extraconiugale, cosa che ovviamente vorremmo evitare.
Io non so come comportarmi: credo che per evitare di far saltare un matrimonio dovrei allontanarmi da lui, ma forse per egoismo non ce la faccio, gli voglio bene e il fatto di vederlo tutti i giorni in ufficio purtroppo non mi aiuta. D'altro canto sto vivendo male la situazione perchè mi sembra di togliere a questa donna qualcosa che è suo di diritto, e io non voglio che quello che di così bello mi viene dato venga però tolto a lei.
Inoltre non capisco da dove nasce e da cosa è dovuto il distacco con la moglie: perchè se le vuol bene, dice che deve farlo con gli occhi chiusi altrimenti non ci riesce? In che percentuale mi devo ritenere responsabile di questa situazione? Grazie per l'attenzione.


Gentile Mara, il suo problema è sicuramente molto spinoso. La parte dell'amante è sempre molto meno comoda di quanto solitamente si pensi. Ma credo che sia il suo uomo ad essere responsabile di questa situazione, non lei. E credo che non sia strano il fatto che lui non riesca a fare l'amore con una donna che tradisce regolarmente e da tempo. Piuttosto mi chiedo come mai le interessi tanto che lui faccia l'amore con sua moglie. Mi chiedo che tipo di aiuto lei stia cercando, se per se stessa o per quest'uomo. Credo che non possa fare nulla per lui; di certo non può nè obbligarlo nè convincerlo a fare l'amore con sua moglie; evidentemente, se lui non ci riesce, è perchè non la desidera più. Dato che avete questa relazione da più di due anni, probabilmente sua moglie non ha voluto cogliere una serie di segnali, non ha voluto vedere determinate cose, e non so se la mancanza di rapporti sessuali possa farle aprire così improvvisamente gli occhi. E' difficile tradire qualcuno per tutto questo tempo senza venire scoperti, a meno che chi viene tradito non si ostini a non voler vedere cose che, invece, sono evidentemente molto chiare.
Molti auguri

 

( risponde la dott.ssa Serena Leone )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Totale disinteresse sessuale (…

Tabata, 41     Ho sempre avuto un rapporto ludico con il sesso. ...

Non starò autosabotando la mia…

Luna313, 31     Salve, fra qualche mese compirò 32 anni e ciò mi atterrisce, mi crea un'ansia indicibile. ...

Signorina (1527419268970)

Laura, 20     Salve, ho un problema di coppia e di famiglia. Ho conosciuto un ragazzo 5 mesi fa e sento di essermene innamorata. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters

0
condivisioni