Pubblicità

Sessuologia (000837)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 76 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca, 26 anni

Caro dottore, mi rivolgo a lei per un dubbio che mi crea non pochi problemi. Sono una donna di 26 anni, sono laureata in pedagogia e sposata da maggio 04. Ho entrambi i genitori e una sorella che vivono a 100 km. convivo con mio marito da circa sette anni e in tutto questo tempo non sono mai riuscita a provare l'orgasmo durante una penetrazione. Non credo che questo sia gravissimo perchè in altri modi riesco a raggiungerlo, il problema mi viene dal fatto che ho iniziato a masturbarmi quando ero molto piccola (5/6 anni,forse prima)e, dagli studi che ho fatto e da affermazioni fatte da colleghe che hanno lavorato in centri per bimbi in situazioni familiari difficili, ho capito che masturbarsi a quell'età è praticamente impossibile perchè non ci si pensa, me l'ha detto anche mio marito che è un educatore scout e ha avuto a che fare con tanti bimbi in situazioni degradate. Ricordo anche dei sogni ricorrenti che facevo da piccola in cui io e un altro bambino venivamo attirati con un gioco da una signora molto grassa e inquietante, cattiva, coi capelli rossi che però sapevo che ci avrebbe costretto a fare cose che non volevamo. So anche che a casa dei miei genitori l'argomento sesso era tabù e che mio padre, quando ero molto piccola, arrestò un pedofilo. Sono tutte informazioni che ho avuto ascoltando dei discorsi di nascosto e non so se c'entrano con me, ma la mia vita sessuale è triste perchè non riesco a dare a mio marito ciò che vorrei, mascherando il mio disagio con la svogliatezza e la stanchezza e spesso mi sento in colpa se mio marito mi cheide di provare posizioni nuove per esempio. Ora mio marito si stà dando a chat per adulti anzichè stare con me, ho paura che questa situazione minerà la nostra felicità. Mi basterebbe sapere se il mio disagio potrebbe essere dovuto a qualche episodio di violenza che ho rimosso o se capita anche ad altri bambini di masturbarsi così piccoli senza avere necessariamente subito qualcosa.

Cara francesca, il fatto di essersi masturbata da piccola non credo sia preoccupante, in quanto è un atteggiamento abbastanza normale quello di toccarsi e può succedere anche prima di quell' età , poichè rappresenta la risposta ad uno stimolo di cui il bambino non è cosciente.
Le situazioni difficili che il bambino vive possono invece creare delle anomalie, questi ricordi di cui mi parla potrebbero essere analizzati con l'aiuto di uno psicoterapeuta ad approccio sessuale ed eventualmente capire anche se esiste un legame con la sua incapacità di raggiungere l'orgasmo in penetrazione. Dopo aver chiarito questi lati oscuri sicuramente il vostro rapporto potrà migliorare. Buona fortuna

 

(risponde la dott.ssa Benedetta Mattei)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters

0
condivisioni