Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia (001782)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

Lucia, 40 anni

E' difficile esprimere in poche parole un problema profondo e grave come il mio. Sono stata fidanzata e poi sposata per anni con un mio coetaneo con cui non sono mai riuscita ad avere rapporti sessuali. Ho sempre pensato di essere io il problema, recentemente leggendo sul vostro sito ho pensato di soffrire di vaginismo. Sono stata anche piuttosto fredda e con poco desiderio ma anche quando il desiderio lo avevo lui non riusciva a penetrarmi. Non trovava l'entrata diciamo. Poi io perdevo l'eccitazione e lui mi diceva che mi stancavo troppo presto e siamo andati avanti cosi' per anni, fossilizzati in un rapporto solo di amicizia, fino a che ad un certo punto un po' di anni fa ho incominciato a rendermi conto dell'assurdita' della cosa, ho incominciato a provare desideri diversi, a esplorare siti di sessuologia, a farmi l'idea di soffrire appunto di vaginismo ma di voler provare finalmente la sessualita' e pero' provando sempre meno desiderio di provarci col mio compagno. Ho iniziato a masturbarmi, cosa che non avevo mai fatto, dopo lunghe riflessioni mi sono fatta deflorare chirurgicamente per togliere quella che comunque ormai era una barriera a detta anche della ginecologa.
Confesso che ho provato poco con lui perche' ormai il sentimento era spento, ma ormai ero decisa, ho conosciuto un uomo ed ho avuto la mia prima volta con lui. Si, sono stata diciamo imbranata, lui e' rimasto colpito dalla mia storia ma non ho avuto problemi nel rapporto, lui e' entrato senza difficolta', mi sembrava un miracolo. Presa da rimorso una sera ho voluto provare con il mio lui ma non ci e' riuscito. Poi un'altra volta abbiamo provato, .mi sono messa di impegno io, lui e' riuscito ad entrare ma poi gli e' scappato, gli faceva anche un po' male. Ci siamo lasciati, ora ho un altro uomo e non ho alcun problema con lui, sto imparando, meglio tardi che mai, non mi sento affatto una donna fredda e mi chiedo ancora fino a che punto i problemi che avevo con il mio ex compagno erano davvero solo colpa mia oppure erano anche in parte o completamente sue difficolta'. Lui non voleva che lo lasciassi, riteneva che dovevamo continuare cosi' e provare ancora, ma provare cosa che io non sento nulla per lui. Io mi sono fatta operare ma lui non si e' mai fatto vedere da un andrologo.Dovrebbe? Sono stata per anni pensando di essere solo io il problema, ma era davvero cosi', ho buttato via gli anni migliori della mia vita in cui avrei potuto avere una bella famiglia con dei figli, ma indietro non si torna, vi prego datemi il vostro parere. Grazie.

Gentile Lucia da quello che lei dice il suo problema sembra risolto, ma se di vaginismo si trattava in realta' forse tutto poteva essere risolto anche con il suo ex, evidentemente i vostri erano anche problemi di altra natura e non squisitamente sessuali e malgrado l'intesa non funzionavate bene insieme, questo puo' accadere e senza un aiuto mirato e cercato non sempre e' facile uscirne. Lei a questo punto ha fatto il suo percorso, ma se oggi lei si sente felice e soddisfatta sessualmente perche' andare a rivangare il passato? Purtroppo non c'e' ancora molta informazione su questi problemi ed oltre a ginecologo ed andrologo un interlucutore importante in questi casi e' il sessuologo che puo' essere di grande aiuto alla coppia una volta appurato che il disturbo non e' di natura organica ma psicogena. Se avesse ancora bisogno di approfondire queste tematiche ora sapra' a chi rivolgersi.

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters