Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia (002443)

on . Postato in Sessualità | Letto 8 volte

Lino, 37 anni

Ho 37 anni e sono fidanzato da cinque mesi con una donna di 33 anni. La mia vita sentimentale e sessuale precedente alla attuale ritengo sia stata scarna e frustrante. Ho avuto solo due fidanzamenti durati entrambi quattro anni circa con due ragazze all'epoca vergini. E tali sono restate perchè, con la prima, il rapporto non è stato mai idilliaco e con la seconda mi facevo molti scrupoli di fare sesso con lei (non ero convinto che mi piacesse veramente come donna e non me ne volevo approfittare solo per vedere come fosse fare sesso...). Per cui i rapporti sessuali con entrambe si limitavano al 'petting'. Nella mia vita ho 'concluso' così poco a causa della scarsa autostima e della paura di ottenere dei rifiuti dalle donne.
Ho vissuto sempre con una sorta di rimpianto del passato perduto. E, a causa dei miei scarsi 'successi' con il mondo femminile mi sono sempre sentito come il 'brutto anatroccolo', anche se probabilmente non lo sono affatto. La dimensione sessuale, quindi, l'ho sempre vissuta in modo 'innaturale' (non saprei trovare altra definizione) visto e considerato che quando stavo con le donne non avevo rapporti completi (e il petting era sporadico) e quando stavo da solo mi masturbavo con la pornografia.
Ora che mi sono fidanzato con questa ragazza sto patendo una congerie di stati d'animo contrastanti per lo più angosciosi. Infatti per i primi quattro mesi l'ansia e l'angoscia, la paura del paragone con i suoi partners precedenti mi hanno bloccato e non sono riuscito ad avere rapporti completi. Soprattutto mi disperavo perchè non trovo 'giusto' (non mi viene un'altra espressione) che lei abbia conosciuto così intimamente altri uomini. E' come se il mio bisogno di intimità con lei ne venisse svilito perchè tutto quello che lei ha vissuto precedentemente non mi appartiene. Durante il giorno mi torturo pensando agli anni passati e a quando lei stava insieme ad altri uomini.
Ultimamente siamo anche riusciti finalmente a fare l'amore ma io soffro perchè penso sempre che lei abbia vissuto le stesse cose con altri uomini. E ciò mi fa disperare. In più vivo con una grande gelosia perchè ho paura che lei mi abbia 'scelto' perchè sono 'un bravo ragazzo' e magari non sono in grado di farle vivere un coinvolgimento sessuale come quello che lei ha già vissuto con altri uomini. Come posso uscirne?

Si è chiesto perchè dopo due ragazze vergini lei abbia scelto una ragazza che abbia vissute delle esperienze affettive e sessuali? Forse lei era pronto a vivere la propria sessualità con maggiore consapevolezza. Provi ad ascoltare ciò che i vostri corpi vi dite durante il rapporto sessaule. Se la sua ragazza le rimanda soddisfazione e coinvolgimento si viva questa esperienza pensando che anche lei sta imparando cose di lei che non conosceva prima. Le esperienze pregresse non si possono paragonare tra loro e lei vive una partita persa se entra in competizione con un mondo quello del passato che non le appartiene

( risponde la dott.ssa Giuseppina Maniscalco )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità anche quando ciò si traduce in si...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. È definita come una pau...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

News Letters