Pubblicità

Sessuologia (002785)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 51 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Patrizia, 32 anni

Frequento da un anno un ragazzo di 31 anni e soffro del fatto che vuole fare l' amore raramente. Io mi faccio avanti spesso perchè lo desidero e lui a volte mi allontana dicendomi che è stanco (fa il fornaio), dorme poco e in passato ha fatto uso di cocaina. Scherzando dice che sono troppo passionale e che con tutti gli uomini sono stata così. In realtà sono passionale di natura ma con lui ho fatto cose mai fatte. E' stato tradito dalla ex, non ha fiducia nelle donne. Tengo a precisare che non c' è stato un calo di desiderio, è sempre stato così anche alle prime uscite con me. Dopo la ex ha avuto molte avventure durate pochi giorni, per suo volere. Con me dice di essere molto affettuoso e rispettoso rispetto a come era in passato. Non a caso siamo ancora insieme. Sembra sia spaventato dal lasciarsi andare. Le assicuro che con lui mi comporto come un angelo, tollerante al max, sempre piena di attenzioni. Non ama biancheria sexy. Quelle rare volte che l' ho indossata mi ha trattata come fossi una donna di strada. In realtà speravo di accendere il suo desiderio.
Sono molto carina fisicamente, un bel carattere...mi dispiace che tanti uomini farebbero follie per me e lui invece...ma io amo lui, solo lui e vorrei capire cosa c'è che non va. Sessualmente sono capace di dare molto piacere ad un uomo e vedo che anche lui è soddisfatto. Spesso mi accorgo che è eccitato quando gli sono a fianco nel letto ma si mette il cuscino tra le gambe, mi fa tante carezze e poi si gira dall' altra parte. Spero di essermi spiegata abbastanza. Parlarne non serve, è di poche parole quando si tratta di sentimenti. Perchè si comporta così secondo lei? Cosa posso fare per averlo più attivo? La ringrazio anticipatamente.

Gentile patrizia, non credo sia un problema di attivita', evidentemente questa persona prova desiderio nei suoi confronti ma potrebbe sentirsi frenato rispetto a qualche problema magari legato alla sua prestazione e piu' lei si mostra, giustamente, accattivante nei suoi confronti piu' il risutato e' opposto a quello atteso con in piu' la frustrazione di entrambi. Al di la' delle vostre esperienze e vissuti e' invece in questo caso fondamentale parlarne insieme e capire dove sta il problema, se e' lagato magari ad un approccio sbagliato di entrambi, i non detti in questi casi non aiutano mai, anzi. Se vi volete bene e siete convinti della vostra relazione di sicuro risolverete il problema, prendete eventualmente in considerazione l'ipotesi di rivolgervi ad un terapeuta sessuale.

( risponde la dott.ssa Emanuela Marangon )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. ...

News Letters

0
condivisioni