Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia (003607)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 21 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Emma, 33 anni

Gentile dottore la mia situazione è veramente difficile; vivo da 10 anni con un ragazzo con il quale sono fidanzata da 15 anni. Da ormai 3 anni non abbiamo più rapporti sessuali. In verità la situazione non era brillante neanche prima poichè i rapporti avvenivano una volta ogni 2-3 mesi e spesso si risolvevano in un fallimento continuo poichè a metà del rapporto lui si distraeva (questa è la sua motivazione) e interrompeva tutto, lasciando me in uno stato di eccitazione ovviamente non soddisfatta.
Ho sempre cercato di non far pesare questi momenti di difficoltà poichè a volte (diciamo 20 in 15 anni) il rapporto è arrivato a termine, anche spesso esclusivamente per lui. Da 3 anni ormai non mi cerca più e se gli chiedo se mi ama riisponde di si e che senza me non può vivere. Io non riesco più a sopportare questa situazione, il sesso non è tutto ma una vita senza non è accettabile, neanche con tutto l'amore del mondo. Quello che però mi fa veramente arrabbiare è la sua strafottenza davanti a questa situazione; il suo egoismo di fronte alle mie esigenze mi avvilisce...forse è più questo egoismo che non la mancanza di rapporti a ferirmi. Inoltre se affronto il discorso lui o non risponde o risolve il tutto in un "hai ragione vediamo cosa possiamo fare" ma non vede mai niente.
Come posso far si che quanto meno si decida ad affrontare il problema con un medico, con uno psicologo? Ho pensato anche in un out-out ma questo non posso negare che faccia paura anche a me. La prego mi dia un consiglio, grazie.

Gentile Emma, e' evidente che in questa situazione sara' lei a dover prendere dei provvedimenti, infatti per un uomo e' molto duro piegarsi ed ammettere di avere dei problemi sessuali evidenti come nel vostro caso, a questo punto quindi quello che puo' fare e' prendere direttamente contatto con un andrologo per una semplice visita di controllo e per escludere eventuali problemi organici del suo ragazzo visto il fatto che lamentate questi problemi sessuali da molto tempo.
Successivamente una volta appurato che il problema abbia un eventuale origine psicologica potreste riovlgervi ad un sessuologo con cui parlarne insieme e se vi e' la volonta' nella coppia sicuramente riusicrete e vivere la vostra sessualita' in modo sano. Buon lavoro.

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di coppia e familglia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni