Pubblicità

Sessuologia (010094)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 36 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Laura,28 anni


Buon giorno, sono Laura.
Le scrivo perchè ci sono periodi in cui sto bene e sono felice, altri in cui piango per nulla, arrossisco continuamente, mi sento insoddisfatta. A volte temo di aver subito qualche trauma da piccola ma nn mi ricordo nulla del genere. Mio padre soffre di una perversione sessuale (esibizionismo) che lo ha portato anche a diverse denunce. A volte temo di aver assistito a qualcosa o che il suo atteggiamento nei miei confronti ma abbia creato qualche problema. Ho un ragazzo col quale sono felice.
Una volta stavamo parlando di bambini e x la prima volta ho realizzato che un giorno potrei avere una figlia femmina e che avrei dovuto fidarmi a lasciarla sola col padre. L'idea mi ha spaventato. Vorrei essere più serena. Inoltre non ho mai raggiunto l'orgasmo. Mi piace fare l'amore, ne ho il desiderio, faccio sogni erotici, però non sono mai arrivata all'orgasmo. Un attimo prima mi blocco. Non ce la faccio. Vorrei tanto mettere ordine nella mia testa ma non so come fare. Potrebbe darmi un consiglio? Non mi consigli però una terapia, nn ho i soldi per potermela permettere.
Grazie

Cara Laura la parafilia paterna sicuramente incide sul tuo equilibrio emotivo e sulla tua risposta sessuale. Tuo padre è una persona malata che avrebbe avuto e avrebbe bisogno di essere aiutata psicologicamente, non so se questa strada è mai stata intrapresa, in questi casi dovrebbero intervenire in tal senso le stesse autorità giudiziarie.
Mi chiedi di non consigliarti la terapia pur sapendo, forse incosciamente, che questa è la via di elezione per poter togliere dalla tua mente le paure che ti attanagliano e che creano il condizionamento. Potresti rivolgerti al D.S.M. (distretto di salute mentale) del S.S.N. della circoscrizione del quartiere in cui vivi, in questo caso potresti essere seguita con una modica spesa. Riuscire a superare da sola il disagio che stai sperimentando è sicuramente più difficile almeno che tu non riesca a spostare l'attenzione da tuo padre a figure maschili positive come ad esempio il tuo ragazzo.
Ripartire da lui per evitare quelle generalizzazioni negative verso l'universo maschile potrebbe essere un punto di partenza.
Auguri

 

( risponde la dott.ssa Assunta Consalvi)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

News Letters

0
condivisioni