Pubblicità

Sessuologia (054068)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 39 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Nadia 20, 14/11/2002

Forse per l'ambiente famigliare (educazione improntata alla pudicizia e tanti problemi di matrimonio per i miei genitori), ma nonostante i miei sentimenti per il mio fidanzato siano molto forti non riesco davvero a entrare in intimità con lui. All'inizio faticavo persino nelle coccole più innocenti, ed ora che mi chiede di più non riesco. Mi sento bloccata, perchè una parte di me vorrebbe lasciarsi andare agli istinti, ma provo vergogna, imbarazzo, ho come paura di perdere una parte di me, quella più "pura", quella più "piccola" forse, quella che ho sempre sentito "mia". Naturalmente le cose stanno peggiornado anche il mio rapporto con la persona che amo, che non capisce (e forse non si sforza troppo...) ma cui non so fornire spiegazioni, nè mi sento di biasimare quando dice di sentirsi respinto nel profondo. Mi sentirei sporca...e in colpa. Aiuto, per favore.

RISPOSTA: Cara Nadia piccola lo sei realmente, vent'anni in effetti non sono poi tanti. Pensare d'affrontare e risolvere, in questa sede, le dinamiche che sono alla base di questa tua rigidità nei confronti della sessualità non è possibile. Questa difficoltà a lasciarsi andare, non esclusivamente in campo sessuale, la ritroviamo in un gran numero di persone il cui sviluppo è stato influenzato da una concomitanza di fattori che hanno fatto sì che si determinasse nel soggetto una costellazione di difese a salvaguardia della propria integrità personale. In questi casi ogni rapporto interpersonale diventa problematico per la difficoltà che si prova ad affidarsi. Dovresti sforzarti di non vedere la sessualità come qualcosa di contaminato che può intaccare la tua autostima, fare sesso con la persona che si ama e da cui ci si sente amati permette di sperimentare all'interno di essa maggiore intimità e completezza. Da quanto mi sembra di capire la vostra è una bella storia, basata su sentimenti profondi, che potrebbe essere ulteriormente arricchita da questo anello mancante. Se sei convinta che la persona che ti sta accanto è importante e dentro di te senti la voglia di avere rapporti più intimi lasciati andare e concediti questa esperienza. Naturalmente questo deve scaturire da una tua riflessione personale, non dalla paura che lui si possa stancare, l'esperienza forzata potrebbe, per un tipo sensibile come te, risultare negativa. Se hai bisogno di altro tempo prenditelo e spiega pure al tuo fidanzato questi tuoi conflitti interiori può darsi che diventi più comprensivo e che sappia trovare la maniera giusta per farti superare queste resistenze. Nel caso queste mie rassicurazioni non dovessero esserti d'aiuto ti consiglio di prendere in considerazione l'idea di consultare un esperto. Auguri
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Masochismo

Deviazione sessuale di meta che spinge l'individuo a cercare l'eccitazione e il piacere solo attraverso la violenza fisica o morale che gli viene inflitta. Spes...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

News Letters

0
condivisioni