Pubblicità

Sessuologia (080734)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 38 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara, 28 anni

Gentile redazione, ho da sottoporvi un problema che temo stia minando seriamente la mia vita di coppia. Sono fidanzata con Giuseppe da quattro anni,e il nostro rapporto è sempre stato estremamente sereno ed appagante: abbiamo tanti interessi in comune, non ci stanchiamo mai di chiacchierare, confrontarci su qualsiasi argomento, provare insieme tante nuove esperienze. Ma c'è un però. Grande. La nostra vita sessuale non è affatto serena. Lui ha problemi di erezione e di eiaculazione precoce, uniti a un generale stato di insicurezza che lo rendono ai miei occhi ( e in generale) profondamente inadeguato e in antitesi con un'idea di uomo virile e "dominante".
Nonostante lui sia molto generoso e si dedichi con impegno al mio piacere, questo non rende per me soddisfacente il rapporto sessuale che vorrei di tutt'altra natura. In altre parole vorrei che fossero rispettati i più classici dei ruoli: l'uomo fa l'uomo, la donna, la donna. Ne abbiamo parlato, lui ha anche provato a parlarne con qualcuno, ma niente da fare, i risultati sono sempre molto deludenti. Naturalmente nel tempo questa insoddisfazione è cresciuta, aumentata dal bisogno di sentir "valorizzata la mia femminilità", così ho ceduto (in realtà non ha fatto molta fatica) alle lusinghe di un altro uomo. Inutile raccontare che la relazione, breve ma intensa, mi ha dato soddisfazioni e piaceri che avevo dimanticato di riuscire a provare. Da quel momento però, le cose col mio fidanzato vanno ancora peggio, perchè alla sua paura di accostarmisi, consapevole della sua incapacità di darmi piacere, si è unito il mio totale rifiuto, anche solo per una carezza.
Non so davvero cosa fare, perchè se non riesco a immaginare un compagno di vita migliore di lui, riesco ad immaginare tanti compagni di letto che mi facciano sentire donna a tutti gli effetti. Sarei felice se poteste rispondermi, grazie.

Gentile sara, lei sta vivendo un conflitto rispetto alla rinuncia di una sessualità appagante oppure avere un compagno di vita accanto. Le due cose insieme si possono avere se lei decidesse di intraprendere un percorso con il suo ragazzo di ricostruzione della vostra sessualità attraverso un terapia psico sessuale mirata su di lui per il trattamento delle sue disfunzioni, ma anche attraverso un lavoro sulla coppia per farvi riconquistare il vostro rapporto.
Questo si può ancora fare se c'è da parte di entrambi la disponibilità e la complicità giusta per risolvere un problema come quello sessuale, che come ha visto influisce notevolmente anche su un rapporto solido come il vostro.
Le auguro quindi in bocca lupo.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Sindrome di Gerusalemme

La Sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa di impulsi religiosi ed espressioni visionarie, da parte di visitatori della città di Gerusa...

News Letters

0
condivisioni