Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia (108950)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 14 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elisa 15

Vorrei avere un chiarimento sulla mia vita sentimentale. In questo momento non sono fidanzata, sono una studentessa che sta per cominciare il suo 2° anno di superiori, in famiglia tutto va bene. La mia richiesta per me è complicata da esprimere, vorrei sapere se è normale che mi sia innamorata del mio vicino di casa; lui ha parecchi anni più di me, ne ha 22 e lo conosco da una vita, da quando ero banbina e avevo all'incirca 7-8 anni. Ora mi sento abbastanza matura per lui, penso anche che l'interesse sia reciproco, visto che l'ultima volta che ci siamo incontrati sabato scorso abbiamo parlato tanto e ho percepito un'interessamento particolare. Ora non ho neanche il coraggio di farmi vedere da lui visto che un pò mi vergogno, non vorrei che la mia teoria del sentimento reciproco non fosse fondata e non vorrei dirglelo così facendomi deridere. Un'altro problema è che lui è uno dei migliori amici di mio zio e lui è incredibilmente geloso di me, perchè mi ritiene come una sorellina e vuole difendermi perciò non so che fare, so solo che R. il mio vicino mi piace troppo. Se cortesemente potessi avere qualche consiglio utile, basta anche che scriviate ciò che pensate al riguardo, mi aiuterebbe tanto. Grazie mille.

Cara Elisa, questa, come si dice in gergo, è la tua prima"cotta" e dopo di questa, quasi certamente, c'è ne saranno altre. Quello che ti sta succedendo è fisiologico, capita molto spesso che nell'adolescenza si provi un'emozione fortissima per una persona più grande, può essere una persona dello spettacolo, un professore, il padre o il fratello di un'amica, l'amico del fratello più grande e così via, a te è successo per il vicino di casa. Come puoi capire è un passaggio quasi obbligato l'importante è che tu non ti faccia aspettative sbagliate. Sette anni di differenza non sono tanti e potrebbe anche verificarsi il caso che tra voi possa nascere una storia a lieto fine, ma diciamo che questa è un'eventualità molto remota. Costatata la tua giovane età consentimi di fare "il vecchio trombone", in questa situazione o in altre che ti capiteranno agisci sempre liberamente e non permettere mai ad un uomo di decidere per te. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

Pubblicato in data 03/12/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni