Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia (110537)

on . Postato in Sessualità | Letto 9 volte

Cristina 46

Sono sposata ed ho due figli; il problema che vorrei tentare di risolvere credo di avercelo sempre avuto ed è lo scarso interesse per il sesso in genere. Non sono ancora in menopausa, quindi non ho scusanti per un eventuale calo del desiderio, io credo che tutto sia nato durante l'adolescenza: avevo un cattivissimo rapporto con il mio corpo, non mi piacevo in quanto da minuta sono diventata improvvisamente formosa, soprattutto ho un seno molto grande che mi ha condizionato; tuttora passare davanti uno specchio mi mette di cattivo umore tanto da farmi venire mal di stomaco. Ho temuto di non essere una persona equilibrata, per questo ho deciso di rivolgermi ad una psichiatra che mi ha tranquillizzato in questo senso e mi ha assicurato che non c'è alcun segno di squilibrio nella mia personalità, tranne che per la sfera sessuuale. Il mio problema è che durante un rapporto sessuale mi da fastidio tutto: i capelli del partner, un rumore che viene da fuori, un movimento, la paura di essere in ovulazione.. Mi rendo conto che ogni pretesto è buono per smettere e non portare a termine il rapporto. Ho pesato di provare ad avere rapporti con un'altra persona per capire se il problema poteva riguardare la coppia, ma cerco scuse per rimandare anche questa cosa, mi sento infastidita e nervosa anche a parlarne e a scriverne. Vorrei sapere se è troppo tardi per risolvere il mio problema che più che a me crea problemi al mio partner? E' il caso che mi rivolga ad un centro specializzato?

Cara Cristina, la prima cosa che mi sento di dirti è che a 46 anni sei una donna ancora giovane, e non è assolutamente tardi per affrontare il tuo problema. È possibile che lo scarso interesse che nutri nei confronti del sesso sia una questione a sé stante, ma è anche possibile che abbia a che vedere con il fatto che non ti piaci. Il fatto di non amare sé stessi, di provare vergogna a guardarsi non è certo un buon inizio per farsi amare da qualcun'altro. Non so dirti se questo problema sia imputabile al rapporto con tuo marito, perché su questo non mi hai scritto nulla. Credo però che parlarne con lui possa essere un buon inizio. Potreste seguire un percorso di terapia di coppia, oppure puoi fare una terapia individuale, o tutt’e due le cose insieme. Rivolgiti ad uno psicoterapeuta, esponi a lui questa questione e poi deciderete insieme, anche con tuo marito, se coinvolgerlo oppure no. Ti faccio molti auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 12/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il decl...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

News Letters